Nuovo cinema Paradiso – Director’s cut | Giuseppe Tornatore (1988)

Dopo quasi un ventennio, finalmente si riesce a visionare la director’s cut del capolavoro di Peppuccio Tornatore. La versione che ottenne una valanga di premi e riconoscimenti da tutto il mondo, coronata dall’Oscar come miglior film straniero, era il frutto del radicale taglio di alcune scene. Sarebbe più corretto dire che venne completamente soppresso il filone più romantico, che sviluppa la contrastata storia d’amore tra Totò ed Elena nel periodo della adolescenza e l’incontro di trent’anni dopo tra i due, ma furono sacrificati anche altri frammenti.

Risultati immagini per nuovo cinema paradiso director's cut

Il pezzo forte è costituto dalla mezz’ora che cassa l’episodio più sentimentale (e forse più mellifluo) dell’opera e che getta un’ombra più misteriosa e mitica sulla figura già grandiosa di Alfredo. A differenza di altri taglietti effettuati qua e là (la prima scopata di Totò, una proiezione al cinema di Lascia o raddoppia?, qualche sequenza più diluita), che lasciano la versione “ufficiale” pressoché identica, la rimozione del tardivo secondo tempo della love story tra Totò ed Elena era sì il pezzo più facile da eliminare, ma anche il più sofferto.

Perché dona alla seconda parte del film un’aureola più malinconica, più appassionata, e anche più liricamente fosca, servendosi degli apparentemente insignificanti dettagli della versione di due ore e cinque per costruire una variante sorprendente, che illumina su ciò che non era spiegato.

Risultati immagini per nuovo cinema paradiso fossey

Questa struggente director’s cut non è nemmeno quella di due ore e mezza presentata all’Europacinema di Bari, bensì un primo montaggio, un vecchio work in progress che alla fine risulta di due ore e quarantasette. Ancora più romanzesco, ne aumenta la dimensione epica e il fascino d’atmosfera. Se nella versione ufficiale la parte del ritorno in Sicilia era semplicemente un’apoteosi dell’amore incondizionato nei confronti del cinema, qui questa scorre parallelamente alla storia d’amore tra Totò ed Elena, tenera e nostalgica, crudele ed intensa.

Forse è tutto un po’ più diluito, un tantino prolisso, con qualche ingenuità nella seconda parte, ma ad avercene: si piange ancora di più, anche per merito dello scatenatissimo Ennio Morricone. La sensazione che trasmette questa director’s cut è un sentimento di rancore verso chi, comprensibilmente e giustamente per certi versi, apportò quei radicali tagli, dando origine ad un film certamente strepitoso, ma che in confronto appare l’esito conciso e sintetico di un roboante e fantastico melodramma di formazione.

NUOVO CINEMA PARADISO – DIRECTOR’S CUT (Italia-Francia, 1988) di Giuseppe Tornatore, con Philippe Noiret, Salvatore Cascio, Marco Leonardi, Jacques Perrin, Agnese Nano, Brigitte Fossey, Leopoldo Trieste, Leo Gullotta, Enzo Cannavale, Antonella Attili, Pupella Maggio, Isa Danieli, Nicola Di Pinto, Tano Cimarosa. Drammatico. *****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...