Provaci ancora, Sam | Herbert Ross (1972)

Vallo a trovare oggi un cinema dove poter vedere Casablanca. Oggi te lo puoi sorbire solo in televisione, peggio mi sento se colorato artificialmente. Evidentemente all’alba degli anni settanta era ancora possibile recarsi in una sala e gustarsi un film del 1943. Una nota inutile per introdurmi nell’affettuosa storia del timido ed inadeguato Sam, alla ricerca del suo posto nel mondo attraverso le surreali conversazioni con Humprey Bogart.

Provaci ancora, Sam è innanzitutto un atto d’amore verso un capolavoro del cinema popolare e non solo, la possibilità di trovare nell’azione dei personaggi delle direttive per vivere meglio. Bogey interviene nella vita di Sam per suggerirgli le mosse da fare come un ciambellano autorevole consiglia il proprio sovrano. Il rapporto è azzardato, ma suscita più di un curioso interesse.

Bogart è per l’Allen di questo film (la regia è di Herbert Ross, ma la matrice è spudoratamente alleniana, essendo tratta da un suo testo teatrale) la personificazione stessa del cinema classico e dei tempi che furono, l’uomo abile e magnetico capace di conquistare le “femmine” attraverso lo sguardo, colui che incarna l’essenza stessa della seduzione del cinema (tra l’altro, Sam vive in un appartamento tappezzato di locandine come quelle di Duello sul PacificoIl grande sonno e, appunto, Casablanca).

Risultati immagini per play it again sam allen

In simbiosi col film di Curtiz, cavalcando l’assurdo e destreggiandosi nei parallelismi tra finzione dello schermo e realtà dell’esistenza, Allen gioca sulle sue nevrosi e sulle ossessioni delle sue manie – la condizione di aspirinomane, la psicanalisi, la nevrosi – mettendo su una commedia rapida e pimpante, miniera di battute esilaranti e dialoghi mirabolanti (la compagna lascia Sam con un «Non ne fare un fatto personale!»; Sam si lamenta delle ferie degli analisti perché «La gente diventa matta durante l’estate»; «Che fai sabato sera?», chiede ad una stramba tizia in galleria, che gli risponde «Occupata: devo suicidarmi»; «Che belle parole», dice Linda, «Sono di Casablanca», precisa lui). Il finale con l’aereo, palesemente riecheggiante il film di Curtiz, è ironico, spiritoso, evocativo. Bogey ricompare nella nebbia. Che sia l’inizio di una nuova amicizia?

PROVACI ANCORA, SAM (PLAY IT AGAIN, U.S.A., 1972) di Herbert Ross, con Woody Allen, Diane Keaton, Tony Roberts, Jerry Lacy, Susan Anspach. Commedia. ****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...