Dietro la porta chiusa | Fritz Lang (1948)

Dietro la porta chiusa succede, evidentemente, qualcosa. Di innominabile, enigmatico, evocativo, perverso, pericoloso. Fritz Lang la apre, questa porta. Apre così le porte chiuse di un animo umano, con piglio da psicanalista coinvolto nella curiosità enorme di chi vuole conoscere il lato oscuro dell’istinto che si impadronisce della ragione.

Risultati immagini per secret beyond the door 1948

Persi nei meandri di una mente manipolata dalle proprie ossessioni, ingabbiata nel buio delle nebbie intestine che avvolgono i sensi, Lang accompagna lo spettatore nel percorso di autoanalisi della coscienza dei personaggi, non solo in quello di Mark, ma soprattutto nei tormenti che affliggono l’azione di Celia (magnifica Joan Bennett): sospesa tra illusione e timore, non di rado con gli occhi coperti da bende esistenziali, la sua voce riecheggia nell’aria con l’obiettivo di far partecipare alle sue dinamiche psicologiche anche lo spettatore.

Per niente facile nella sostanza, ha una forma che lo potrebbe far assemblare ad un convenzionale melodramma nero: in realtà è tutt’altro, uno dei primi thriller dell’anima, sedato dal coinvolgimento metafisico dell’autore, avvolto nel sottile velo dell’inquietudine, tremante e febbrile come chi viene sorpreso oltre i confini dell’equilibrio interiore.

DIETRO LA PORTA CHIUSA (SECRET BEYOND THE DOOR, U.S.A., 1948) di Fritz Lang, con Joan Bennett, Michael Redgreve, Anne Revere, Barbara O’Neil, Natalie Schafer. Noir. ****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...