Il settimo sigillo | Ingmar Bergman (1957)

Per mattone, molti spettatori (diciamo Fantozzi e colleghi al cineforum ne Il secondo tragico Fantozzi) intendono un film dal tasso impegnativo assai elevato. Più che vilipeso, Il settimo sigillo è stato continuamente spernacchiato e preso in giro (c’è una grandiosa parodia di Maccio Capatonda), a causa dell’argomento trattato, già abbastanza tetro, in maniera molto cupa ed inquietante. Però non lo si può liquidare così, non sarebbe affatto giusto.

Ingmar Bergman dirige un’opera impegnata sì, ma che vola alto, riflette con asciutta disillusione sul tema: più che sulla vita e sul suo inesplicabile significato, è interessato alla morte e alle sue conseguenze. E parlando della morte non si può prescindere dal chiedersi come si muore. E perché. Ma allora Dio dov’è? Bergman usa i suoi personaggi mortali (in cui probabilmente si identifica, in ognuno di loro) per dire la sua ed interrogarsi sulla fede e sulla religiosità.

Risultati immagini per the seventh seal

Un film profondamente ateo ed anarchico perché non ha più speranza nell’intervento divino, si affida non si sa a che cosa (lo spirito di rassegnazione è ben evidente, anche perché ambientato in un tempo remoto, quello delle crociate dell’alto medioevo) e costruisce con energia il ritratto della Morte (un iconico Bengt Ekerot), legata all’iconografia classica ma originale nel suo sviluppo intellettuale.

Di gran lunga il personaggio più memorabile di questo funereo e disilluso film, la Morte gioca a scacchi con il cavaliere, si piglia beffa dei mortali, afferma la propria superiorità ovvia, si permette molti lussi. La partita a scacchi è solo una parte del racconto, ma è entrata nella leggenda per la sua genialità. Talora un po’ tedioso, certamente datato, di non sempre facile presa, ma che fascino inquieto trasmette questo disperato film.

IL SETTIMO SIGILLO (DET SJUNDE INSEGLET, Svezia, 1957) di Ingmar Bergman, con Max von Sydow, Gunnar Björnstrand, Bengt Ekerot, Nils Poppe, Bibi Andersson, Inga Gill. Drammatico. *** ½

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...