La ragazza con la valigia | Valerio Zurlini (1961)

Melodramma di appassionata delicatezza, La ragazza con la valigia colpisce per il suo lieve e malinconico tocco. Tocco di fata, d’altronde: Valerio Zurlini è uno degli autori italiani più sottostimati, una personalità rara e preziosa. Qui, alle porte degli anni sessanta, costruisce uno dei ritratti femminili più belli ed intensi del dopoguerra: la Aida del film è un personaggio di altissima caratura etica, la cui esistenza turbolenta è attraversata con la dolce e scafata inquietudine così ben raccontata dalle espressioni che le conferisce Claudia Cardinale, davvero stupenda con la voce straniante della grande Adriana Asti. Zurlini l’accarezza con soavità, le mette in bocca frasi dure, la getta in un mondo ipocrita in cui è smarrita per troppo candore.

Dopotutto, allo stesso tempo, Aida è un personaggio funzionale all’opera: la sua esperienza mette in luce l’affresco moralmente spietato della borghesia provinciale, ben rappresentata dal seduttore Marcello e dalla zia di questi, dove ci si affida ad un prete per mettere le pezze ai propri errori (un pratico e svelto Romolo Valli che insegna matematica e si tocca i peli della barba).

Risultati immagini per la ragazza con la valigia

Pur riflettendosi in Lorenzo, il fratello di Marcello che si innamora di Aida, Zurlini e i suoi sceneggiatori (particolarissimo dream team: Leo Benvenuti, Piero De Bernardi, Enrico Medioli e Giuseppe Patroni Griffi) non gli risparmiano critiche, avvolgendolo nella seconda parte del racconto in una sottile ambiguità. Gli è però concessa la riscossa umana: lo struggente finale ne è la dimostrazione.

Tra l’altro è un film in cui gli sguardi hanno una valenza importante e sono tante le scene in cui i due personaggi si sfuggono e si incontrano, non ammettendo mai fino in fondo il sentimento che in loro è cresciuto a poco a poco (se non nell’epilogo). Storia d’amore e d’amicizia, nonché racconto di formazione, velata di una tenerezza sensibile e magnifica, andrebbe ricordata almeno una memorabile sequenza: lei che esce dal bagno con l’accappatoio giallo, scende lo scalone della sfarzosa casa di Lorenzo, mentre ascolta la Celeste Aida cantata da Beniamino Gigli (infilata da Lorenzo nel mangiadischi), i lori incroci di sguardi, la percezione dell’amore tra i due. Poi, certo, La ragazza con la valigia è attualissimo, ma questo avvalora il suo status di grande classico.

LA RAGAZZA CON LA VALIGIA (Italia-Francia, 1961) di Valerio Zurlini, con Claudia Cardinale, Jacques Perrin, Luciana Angiolillo, Renato Baldini, Riccardo Garrone, Elsa Albani, Corrado Pani, Gian Maria Volonté, Romolo Valli. Mélo. ****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...