Il camorrista | Giuseppe Tornatore (1986)

Giuseppe Tornatore esordisce e fa il botto. Certo, la storia che ha scelto per presentarsi al pubblico era conosciuta, ma avrebbe fatto tremare i polsi anche al grande Francesco Rosi. Anche perché il personaggio in ballo è di caratura epica, e il rischio di rimanervi affascinati era alto. D’altronde le gesta di questo piccolo detenuto divenuto potentissimo boss della nuova camorra riformata hanno un che di mitico nella loro cruda brutalità.

Risultati immagini per il camorrista film

I riferimenti ai quali si sono ispirati Tornatore e Massimo De Rita sono evidentemente riconducibili alla tradizione narrativa dei gangster movie americani e alla tensione popolare del miglior cinema di genere italiano. Come Sergio Leone, Tornatore – già aiuto regista di Giuseppe Ferrara in Cento giorni a Palermo – ha il gusto dell’abbondanza, è eccessivo quanto basta, ha la felicità del racconto.

Il camorrista, in fondo, nel suo mischiare ingredienti atipici, è un grande racconto popolare. Con i toni di una mesta ed angosciosa sceneggiata napoletana, è uno scatenato racconto condito di violenza e passione, politica e malaffare, follia e sangue. Ispirato palesemente alla vita e alla carriera di Raffaele Cutolo e tratto da un libro di Giuseppe Marrazzo, è un film molto lungo – la versione cinematografica dura due ore e quarantaquattro, quella televisiva addirittura cinque ore – ma di notevole equilibrio narrativo, contraddistinto da una fluida scorrevolezza dovuta ad una messinscena molto diretta.

È un po’ una presentazione autoriale per Tornatore, si ritrovano quasi tutte le cifre caratteristiche del successivo percorso cinematografico. Tanto per citarne una, c’è già un personaggio che ci fa credere morto e in realtà poi scopriamo vivo e vegeto: stavolta tocca al commissario Iervolino del grande Leo Gullotta, acerrimo nemico del protagonista.

Rafforzato dalle robuste musiche di Nicola Piovani, fotografato con intelligenza da Blasco Giurato, il film appartiene molto a Ben Gazzara, che ritrae il suo professore vesuviano con luciferina potenza (ma merito anche all’ottimo Mariano Rigillo, che lo doppia). La sua acuta e strepitosa interpretazione impressione per subdola misura ed allo stesso per esaltata veemenza, straripa nell’istrionismo che gli è congeniale e stupisce, specie nel finale, nella sua crepuscolare discesa nella schizofrenia.

Risultati immagini per il camorrista film

E pensare che si era fatto ricoverare in un manicomio criminale spacciandosi per matto. «Se facevo la carriera di prete, sarei stato subito papa» ammette con compiacenza. Perché il punto è questo: il Sud, vero protagonista del film, non ancora si rende conto perfettamente di quanto faccia male la malavita organizzata. E anche oggi i temi affrontati ne Il camorrista (i legami con la politica, gli appalti, la speculazione edilizia, i regolamenti di conti, le mattanze tra clan…) fanno ancora paura.

IL CAMORRISTA (Italia, 1986) di Giuseppe Tornatore, con Ben Gazzara, Laura del Sol, Leo Gullotta, Luciano Bartoli, Lino Troisi, Marzio Honorato, Nicola Di Pinto, Anita Zagaria, Cloris Brosca, Franco Interlenghi, Biagio Pelligra, Maria Carta. Gangster. ****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...