Confidenze troppo intime | Patrice Leconte (2004)

Emozioni forti in questo intrigante film di Patrice Leconte, tra i talenti migliori della cinematografia transalpina contemporanea. La psicanalisi ha sempre affascinato il cinema, che quando si fa arte ha molti punti in comune con la dottrina inaugurata da Freud. Questo Confidenze troppo intime sembra avere solo un superficiale collegamento con il tema psicanalitico, ma in realtà Leconte imbastisce un film minimalista sull’argomento.

Non è solo funzionale al racconto (una donna in crisi che sbaglia porta e si ritrova nello studio di un fiscalista), perché i due protagonisti non sono affatto soggetti comuni od ordinari. Sia la misteriosa e cerebrale Anna che il bigio e stralunato William si manifestano come personaggi inquieti e un po’ smarriti, bisognosi di sfogare le proprie sensazioni ad altre persone, per non far morire dentro la necessità di ricominciare una nuova esistenza.

Risultati immagini per confidences trop intimes

Il film si muove su questo binario, un racconto psicologico che indaga su cosa vuol dire (oggi?) essere soli ed essere amati (o forse considerati da qualcuno). La certezza del dubbio, il sospetto dell’incertezza e l’adorabile, subdola perversione sono cifre caratteristiche essenziali.

Leconte dirige l’opera con le cadenze di una commedia quasi nera, non nevrotica (sarebbe stato un autogol, ai limiti della parodia), talora avvicinabile al thriller sentimentale quando entra in scena il marito di lei, servendosi di un abile e squisito copione di Jèrôme Tonnerre e di un equilibrato e ragionato uso delle luci (più ombrosa la parte precedente all’epilogo nitido). E soprattutto di due interpreti eccellenti, una Sandrine Bonnaire febbrile e sensibile ed un Fabrice Luchini sincero e carismatico (che ha anche un guizzo quando si mette a ballare). Finale sereno, forse non lieto, ma certamente aperto a nuovi sviluppi.

CONFIDENZE TROPPO INTIME (CONFIDENCES TROP INTIMES, Francia, 2004) di Patrice Leconte, con Sandrine Bonnaire, Fabrice Luchini, Micheal Duchaussoy, Anne Brochet, Hélène Surgère. Thriller sentimentale. *** ½

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...