Le fate ignoranti | Ferzan Ozpetek (2001)

Le fate ignoranti abitano la vita di un uomo affascinante ed affermato nel lavoro. Una è quella “ufficiale”, la moglie Antonia, conosciuta tra i banchi di scuola del liceo. L’altra è in realtà un altro, Michele, con cui ha una relazione parallela e clandestina da sette anni. Quando muore, lei scopre tutto. Per affrontare il trauma, decide di conoscere l’amante, che vive in uno stabile amministrato dall’immigrata turca Serra: ecco che di fronte agli occhi borghesi di Antonia sfilano trans, omosessuali, malati di Aids, malati d’amore. Come può ambientarsi la vedova agiata in questa grande famiglia di emarginati?

Immagine correlata

Il film che ha definitivamente rivelato al grande pubblico il talento di Ferzan Ozpetek è una commedia drammatica corale, incentrata su due personaggi principali che esprimono mondi speculari, camminando sul filo della delicatezza col consueto approccio del regista alle sue storie: sincerità, affetto, passione. Nei fatti, è il film che fonda l’estetica e codifica il canone dell’autore, il cui impatto è stato tanto incisivo da definire cliché, stilemi, feticci, stereotipi (l’ex gasdotto sullo sfondo, le grandi magnate di personaggi al limite in case colorate: scene di Bruno Cesari, fotografia di Pasquale Mari).

Un caldo melodramma moderno che tenta di emancipare nel solco del Fassbinder suggestionato da Sirk, occhieggiando al contiguo sguardo di François Ozon, con una polifonia tipica della tradizione italiana in bilico tra la lacrima (Gabriel Garko malato terminale) e la risata (il brio di Serra Yilmaz e Rosaria De Cicco). Straordinaria Margherita Buy in uno dei migliori lavori della sua carriera e sorprendente il coinvolto Stefano Accorsi. Ottima la canzone dei Tiromancino Due destini, che domina la colonna sonora di Andrea Guerra.

LE FATE IGNORANTI (Italia, 2001) di Ferzan Ozpetek, con Margherita Buy, Stefano Accorsi, Serra Yilmaz, Gabriel Garko, Erika Blanc, Filippo Nigro, Andrea Renzi, Rosaria De Cicco, Ivan Bacchi. Commedia drammatica. ***

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...