Parla con lei | Pedro Almodóvar (2002)

C’eravamo accorti già da Tutto su mia madre che qualcosa stava cambiando nella consapevolezza melodrammatica di Pedro Almodóvar. Sembra essere più riflessivo questo regista che cerca le tracce della vita perduta nell’apparenza della morte cerebrale. «Dalla morte emerge la vita», o no? È una precipua dimensione narrativa molto interessante, in cui si concentra l’inquietudine del divenire percepito e il bisogno di certezze emozionali.

Risultati immagini per hable con ella

Almodóvar perercorre con delicatezza un’opera sospesa tra surreale e tangibile, col passo silenzioso di chi non vuole invadere territori che non gli appartengono, una privacy inviolabile che risiede nel parallelismo tra cinema e vita, e il tono viscerale dell’accorato e sensibile melodramma d’appendice.

Proprio dal suo genere prediletto (proseguendo un discorso iniziato con Tacchi a spillo e Tutto su mia madre e per certi versi anche Carne tremula, incentrato sull’attesa della redenzione sentimentale), Almodòvar riprende con rispettosa amorevolezza elementi e situazioni, su tutte la pioggia indispensabili per la ricerca interiore e psicologica e le lettere disperate come veicolo emotivo di chi (forse) ama troppo.

L’autore parla con i suoi personaggi con più ragione senza dimenticare il sentimento, confinando in un angolo l’orgoglio e depennando il pregiudizio (come gli è congeniale, d’altronde); li fa emergere da un acqua che accoglie e al contempo nasconde; li fa penetrare anche sessualmente l’uno nell’altro per compensarsi (metaforico, appunto, è il film muto in bianco/nero con l’uomo nudo che entra nella vagina della donna – fosse questo il motivo, ipocrita, del divieto ai minori di 14 anni?) e completarsi.

Almodóvar ama i suoi personaggi, non può fare a meno dei vari Benigno (con il quale, probabilmente, si identifica più di tutti), Marco, Alicia, Lydia: sono gli strumenti che gli occorrono per parlare dello stato delle cose relative alla nostra coscienza. Ama i suoi personaggi, e per questo sa che per crescere hanno bisogno di sbagliare, devono soffrire.

Risultati immagini per hable con ella

Bagnati da una torrenziale pioggia, internati per aver seminato troppa devozione amorosa, strutti dopo la lettura di una lettera che chiude un capitolo e ne apre un altro o da un tormentato colloquio tra amici innamorati. Come in un romanzo, ogni fine è il pretesto per ricominciare. Quasi un capolavoro, se non fosse per qualche sbavatura. Nonostante ciò, un classico. Di diritto.

PARLA CON LEI (HABLA CON ELLA, Spagna, 2002) di Pedro Almodóvar, con Javier Cámara, Darío Grandinetti, Leonor Watling, Rosario Flores, Geraldine Chaplin, Mariola Fuenetes, Fele Martínez, Paz Vega, Elena Anaya, Lola Dueñas, Chus Lampreave, Loles León, Cateno Veloso, Pina Baush. Mélo. ****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...