Il figlio più piccolo | Recensione

IL FIGLIO PIÙ PICCOLO (Italia, 2009) di Pupi Avati, con Christian De Sica, Luca Zingaretti, Laura Morante, Nicola Nocella, Sydne Rome, Massimo Bonetti, Pino Quartullo, Maurizio Battista, Alessandra Acciai, Alberto Gimignani, Manuela Morabito, Marcello Maietta. Commedia drammatica. **

Il touch di Avati è riconoscibilissimo. Qui: Strada Maggiore a Bologna e la musica sempre puntuale di Riz Ortolani. Per il resto, Il figlio più piccolo – terzo film di una sorta di trilogia dei padri che comprende quello malinconico de La cena per farli conoscere e quello ossessionato de Il papà di Giovanna – è un film inusuale nel percorso avatiano.

Il padre di turno stavolta è un padre mancato: troppo cinico per essere assente, fa l’imprenditore ed è sull’orlo del fallimento. Pertanto decide di sposarsi una facoltosa esponente politica e al contempo richiama il figlio del titolo per affidargli la società in fallimento, liberandosi così della rogna. La storia è triste, se poi ci mettiamo pure un amore dimenticato, una madre affettuosa e disperata, un rapporto padre-figlio perso per strada.

Risultati immagini per il figlio più piccolo

Ma ciò che, forse, interessa maggiormente al regista bolognese è raccontare la piccola Italietta dei furbi e meschini figuri che popolano la provincia alla conquista della nazione. Sta qui, però, il problema: Avati non trova il giusto tono, vaga a vuoto in parecchi passaggi, si perde qua e là tra banalità ed insicurezze. È un peccato, perché Avati è eclettico e sa il fatto suo.

Tuttavia, il film non crolla grazie alla buona direzione del cast: se con grande mestiere Luca Zingaretti mette a segno il ruolo di ambigua perfidia dell’ex seminarista devoto, tocca ad un laconico, spietato, tragico Christian De Sica la parte del leone. La grande occasione che aspettava da anni – un ruolo drammatico, arrivato a quasi sessant’anni come papà Vittorio Generale della Rovere (altra storia, d’accordo) – alla fine gli è arrivata: bastano gli ultimi dieci minuti per riscattarlo da venticinque anni di scempi cinepanettonistici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...