Ma quando arrivano le ragazze? | Pupi Avati (2005)

Si incontrano grazie alla comune passione per la musica jazz, Nick (l’affascinante e bastardello Santamaria) e Gianca (il timido e compassato Briguglia), l’uno proletario talentato ed affascinante, l’altro borghese appassionato e pacato. Si innamorano della stessa ragazza (la splendida Vittoria Puccini), una delle dieci più belle di Bologna, litigano, si vogliono bene, si imparentano, prendono strade diverse.

Perché non bisogna mai confondere la passione col talento (difatti Gianca ha scelto di fare il commercialista, e Nick prosegue la folgorante carriera). Dopotutto, c’è sempre una morale nei film fenomenologici del moralista – senza offese – Pupi Avati. Un’educazione sentimentale raffinata e sensibile, con chiari cenni autobiografici (l’amicizia-rivalità con Lucio Dalla e le proprie frustrazione da musicista mancato) e passo lieve e delicato.

Risultati immagini per ma quando arrivano le ragazze

Ci sono tutte le tematiche dell’universo avatiano (l’amicizia maschile tradita, i sentimenti della giovinezza, la fatica del diventare adulti, l’affacciarsi del femminile, lo scardinarsi del gruppo sotto i colpi del destino), ed è un film leggero, libero e liberato, testimonianza della vitalità dell’eclettico e prolifico autore, ormai sempre autobiografico ma non per forza autoreferenziale.

Per scandire il correre degli anni peraltro “non suoi” (dal 1994 in poi), c’è la curiosa metafora delle comete, simbolici elementi delle carriere dei veri artisti. Nostalgia canaglia, verrebbe da dire, anche riguardo la figura femminile capitale del film, ritratta quasi in forma elegiaca, altro fondamentale tassello di quello che può definirsi l’ennesimo racconto umano e personale di Avati.

Bellissimo recupero di Johnny Dorelli nella parte del padre di Gianca, quasi un alter ego dell’autore per ragioni anagrafiche. Le struggenti musiche del fidato Riz Ortolani impreziosiscono ulteriormente il valore di questo film girato col filtro della memoria ma guardando al presente. E il prologo e il finale nei giorni nostri, con quegli sguardi e quell’amarezza, appartengono al miglior cinema avatiano.

MA QUANDO ARRIVANO LE RAGAZZE? (Italia, 2005) di Pupi Avati, con Claudio Santamaria, Paolo Briguglia, Vittoria Puccini, Johnny Dorelli, Augusto Fornari, Selvaggia Quattrini, Manuela Morabito, Enrico Salimbeni, Eliana Miglio. Commedia drammatica. ***

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...