L’armata degli eroi | Jean-Pierre Melville (1969)

«Le ho detto cinque minuti, mi aspetterà una vita». Sì, anche perché non torneranno più. Vivi, s’intende. Li faranno fuori prima, che la vita normale possa ricominciare. La frase è riferita ad una donna, ma può anche accostarsi ad un sentimento nazionale. È un’armata di ombre, come recita il titolo originale (tramutato enfaticamente in “eroi” nella versione italiana), quella che il vecchio “resistente” Melville mette in scena con la freddezza di un polar scoraggiato e la partecipazione di un affresco storico accorato.

E per quanto possa agire in sottrazione, inevitabilmente il regista si ritrova coinvolto in quelle plumbee atmosfere, scenari di guerra assorti nella clandestinità dell’azione. Sono le ragioni dell’esperienza che riecheggiano nel background dell’uomo. Comunque sia, un film che non lascia scampo nella sua escalation di cruda disperazione, strutturato attraverso un climax di potenza emozionale sottile eppure sostenuto da una razionalità che non si vende all’accattonaggio emotivo del facile effettismo.

Risultati immagini per l'armée des ombres

Un esempio per tutti? Non oso immaginare come avrebbe reso un qualunque altro regista di altre scuole la secca, antiretorica, struggente fine di Simone Signoret (immensa). Avvolgendo l’evento di un razionalismo inevitabile, Melville segue le dinamiche del gruppo partigiano, cerca di capire le loro ragioni senza schierarsi, rappresenta la morte con l’aridità consona ad un accaduto tanto funesto (ma, nell’ottica dell’armata, necessaria per evitare un rischio). Un film di ombre che non danno tregua e i cui riflessi si allungano fino alle zone d’ombra dei ricordi più lontani. Memorabile Lino Ventura.

L’ARMATA DEGLI EROI (L’ARMÉE DES OMBRES, Francia-Italia, 1969) di Jean-Perre Melville, con Lino Ventura, Simone Signoret, Paul Meurisse, Jean-Pierre Cassel, Serge Reggiani, Claude Mann, Paul Crauchet. Guerra drammatico. ****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...