La mia vita senza me | Isabel Coixet (2003)

Ha una vita dominata dall’incertezza mischiata all’amore, come solo i disperati riescono a concepire: Ann, ventitré anni, antibambocciona, un bel marito, due figlie piccole, un lavoro modesto di notte, un padre in galera. E un tumore maligno che sconvolge tutto, senza discriminazioni.

Prima di andarsene via, però, come sarebbe bello fare tutto quel che non si è fatto nei precedenti ventitré anni. E dunque si fa le unghie dall’estetista, registra nastri per i compleanni delle figlie fino a diciotto anni, va a trovare il padre galeotto, si (r)innamora. Come immaginare una vita, che comunque deve andare avanti, anche senza il coinvolgimento di lei stessa?

Risultati immagini per mi vida sin mi

Melodramma al calor bianco, declinato sui registri del dramma esistenziale, privo di turgori ridondanti, essenziale nella sua elegante calibrazione tra conseguenze dell’amore e pianificazione del “dopo di me” e del “senza di me”, è un film bellissimo: mai ricattatorio, evita il banale patetismo dell’esposizione e della rappresentazione dell’angoscia, garbato e rabbioso a contempo (Ann non si chiede mai «perché proprio a me?», ma cerca di andare oltre, districandosi tra il “carpe diem” dell’amore sfuggente e la maturità del rapporto familiare e sociale declinato al futuro anteriore), fotografato e vissuto con il lucido dolore che solo chi ha davvero sofferto riesce a concepire, attraversato da una vena di malinconia secca ed arida.

Isabel Coixet (prodotta da Pedro Almodòvar, le cui corde basilari – seppur elaborate in maniera diversa – si ritrovano in questo film, specialmente quella degli ultimi anni, da Tutto su mia madre a Volver) appassiona, colpisce, realizza una manciata di scene memorabili (Polley e Ruffalo che ascoltano Senza fine in macchina; ancora Senza fine al supermercato; la straziante registrazione degli auguri di compleanno; il racconto dell’altra Ann), e si affida alla grande perfomance di una Sarah Polley strepitosa, la cui anima ferita traspare in un corpo di minuta sobrietà.

LA MIA VITA SENZA ME (MI VIDA SIN MI, Spagna-Canada, 2003) di Isabel Coixet, con Sarah Polley, Amanda Plummer, Scott Speedman, Leonor Watling, Deborah Harry, Maria de Medeiros, Mark Ruffalo, Alfred Molina, Julian Richings. Mélo. ***

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...