Le ombre rosse | Recensione

LE OMBRE ROSSE (Italia, 2009) di Francesco Maselli, con Roberto Herlitzka, Ennio Fantastichini, Lucia Poli, Arnoldo Foà, Valentina Carnelutti, Flavio Parenti, Eugenia Costantini, Luca Lionello, Laurent Terzieff, Roberto Citran, Ricky Tognazzi, Ninni Bruschetta. Drammatico. * ½

Nome di battaglia, Citto Maselli. E sembra voler proprio combattere una guerra, il vecchio compagno. Una guerra contro tutto e tutti volta alla conquista di una sola cosa: un mondo migliore, perché quello che c’è ora non va, non va proprio. Non va perché i giovani sono strumentalizzati ed usati dai soliti vecchi. Quei vecchi che non si rassegnano e che non ci pensano minimamente ad andare in pensione.

Più che persone, oramai, sono ombre, perché rappresentano un qualcosa che non c’è: la geriatrica, autoreferenziale, benestante, cattedratica sinistra di questo Paese. La sinistra da salotto che parla attraverso i giornali letti, fruiti, commentati, contestati soprattutto da essa stessi. Citto Maselli sa perfettamente di farne parte, però si schiera con i giovani del centro sociale, perché è più trendy.

C’avrà qualche sassolino da togliersi, poi, se scrive personaggi del genere: anche il più idiota degli spettatori si accorgerebbe che dietro la figura di Sergio Siniscalchi c’è un mix di Alberto Asor Rosa ed Umberto Eco, che Varga è la sfacciata caricatura dell’archistar Massimiliano Fucksas, che la giornalista Vanessa è il corpo e il volto di Rossana Rossanda, che il vecchio sindacalista altri non è che il compianto Vittorio Foa.

Risultati immagini per LE OMBRE ROSSE MASELLI

Il film ha una storia assurda che si regge su uno spunto cretino: un intellettualone di sinistra spara una stupidaggine sulle case della cultura in uno sperduto centro sociale pieno di poveri cristi e finisce sulle prime pagine di tutta Europa (perché? Non si sa, e Maselli dice di non farsi troppe domande: vabbe’), provocando così una sorta di mobilitazione culturale in nome… in nome di che? Della cultura. Della sinistra che non c’è.

Ma no. Non regge. Ah sì: per vincere le elezioni, come dice Vanessa (con le esse della Rossana). Quindi alla fine tutto ciò si fa contro l’innominabile esse.bi, solo che citarlo non va bene. È un apologo, una favola, una metafora. D’accordo su tutto. Il film c’è. Ma non ha né capo né coda. È un autogol in contropiede.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...