Una sconfinata giovinezza | Recensione

UNA SCONFINATA GIOVINEZZA (Italia, 2010) di Pupi Avati, con Fabrizio Bentivoglio, Francesca Neri, Gianni Cavina, Erika Blanc, Lino Capolicchio, Manuela Morabito, Serena Grandi, Isa Barzizza, Vincenzo Crocitti. Drammatico. *** ½

Pupi Avati è il regista italiano più naturalista in circolazione. Nonostante la miscellanea nostalgica filtrata nei ricordi d’infanzia, la sua narrazione è principalmente impersonale. Perché i personaggi di Avati sono scritti in punta di penna e il coinvolgimento dell’autore è addirittura solo apparente. Nessuno mette in dubbio che dietro quel bambino dei ricordi infantili del protagonista ci sia il regista bolognese. Ma, ovvio, è una proiezione universale dell’epoca che racconta. Un io lirico che ha l’ambizione necessaria di rappresentare tutti.

Risultati immagini per una sconfinata giovinezza

Comunque sia, la maggior parte dei cinefili si ostina a relegare Avati ad una dimensione di eterna medietà, come se fosse l’eterno autore rimasto in mezzo al guado. Ma la medietà di Avati ha il passo del classico – ed è uno dei pochi in Italia ad avere un tocco riconoscibile. D’altronde Avati è convinto di non aver ancora realizzato il suo film della vita. In fondo ha diretto Regalo di Natale (cinico ed impietoso), Una gita scolastica (fine ed elegiaco), Magnificat (nobile e rude), La seconda notte di nozze (delizioso e fuori tempo), La casa dalle finestre che ridono (cult). Sì, bei film. Ma non il film della vita.

Una sconfinata giovinezza ha questa ambizione e parte con la voce off di Chicca, professoressa di filologia romanza, che ricomincia a scrivere il proprio diario dopo tanti anni. Dopotutto, «un diario non serve quando sei felice». La sua felicità (senza figli, in una famiglia in cui si cova che è una bellezza) si chiama Lino Settembre, brillante giornalista sportivo, fino a quando, da attenta moglie qual è, si accorge che qualcosa non va («Cosa mi sta succedendo?», si chiede smarrito di fronte alle continue dimenticanze di cui è vittima).

E in effetti, dopo qualche avvisaglia, si scopre che Lino sta manifestando i primi sintomi del morbo di Alzheimer. Da qui parte una nuova fase della loro felicità malata, che principia con una terapia del distacco per poi sfociare in un rinnovato ed inedito rapporto, in cui Lino torna alle atmosfere dei suoi giorni migliori quasi senza rendersene conto («Ognuno di noi è stato ragazzo, ma lui troppo!»). Epilogo struggente.

L’autore bolognese, uno dei pochi a saper raccontare i sentimenti del declino, mette su la sua prima storia d’amore (ma in realtà, a ben vedere, in tanti altri suoi film c’erano storie d’amore) pura ed assoluta come solo l’amore (quello vero) sa essere. È la storia di un amore normale che si ammala e diventa crudele, spietato, disperato. È il racconto del suo cupo tramonto, non per volontà ma per imposizione, riaffiorano i ricordi di un’infanzia perduta, che si confonde col presente, si mischia, si intrufola, si innesta con il quotidiano del dolore.

E sembra essere proprio il dolore una delle cifre caratterizzanti del film: probabilmente represso negli anni adolescenziali, dopo la morte dei genitori in un incidente stradale (in cui si è salvato solo il cane, battezzato Perché) e la scoperta delle pulsazioni erotiche ovviamente caste; rimosso nella vita di mezzo, contraddistinti dall’assenza di un figlio; e terribilmente esplicito, lancinante e tormentato nella maturità determinata dalla malattia (ma anche l’incontro di Chicca con la moglie di un suo collega è di tragica angoscia).

Ma c’è spazio per la dolcezza anche nel dolore: cosa c’è di più dolce di quella scena in cui Chicca si accovaccia a terra con Lino per giocare alla pista dei ciclisti (i cui volti sono ritratti sui tappi delle bottiglie)? Il figlio mai avuto si proietta nel marito perduto. Se volessimo collegarci alla trilogia dei padri (il padre infantile de La cena per farli conoscere, il padre totalizzante de Il papà di Giovanna, il padre assente de Il figlio più piccolo), Lino potrebbe essere il padre mancato.

Risultati immagini per una sconfinata giovinezza

In questo film che vive di mezzi toni, di enfasi fortunatamente strozzate, di evidenti ritratti biechi in opposizione al candore del protagonista (su tutti lo spietato tassista di Gianni Cavina e la reticente vedova Erika Blanc) – e anche di qualche scompenso narrativo o strutturale (non sempre credibile l’ambientazione borghese del silente coro dei comprimari, non sempre funzionale la voce off, non sempre pertinente il montaggio dei flashback) – la delicatissima materia è affrontata con una sensibilità rara sin dal titolo: la sconfinata giovinezza è l’effetto dei ricordi negati dalla memoria crudele. È sconfinata la parola chiave: riuscendo a non essere mai deprimente, è proprio la tristezza (dignitosa e poetica) ad essere tale.

Disincantato, dimesso, senile e scarno, è un film bellissimo che si muove sulle note decadenti di Riz Ortolani vivendo della mastodontica interpretazione di Fabrizio Bentivoglio in un ruolo larger than life e della Francesca Neri migliore di sempre. C’è uno dei finali più strazianti degli ultimi anni. «Dove vanno tutti i bambini che scappano? Perché è così segreto e irraggiungibile quel luogo? Perché le loro mamme non sanno trovarlo?».

Un pensiero riguardo “Una sconfinata giovinezza | Recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...