Le parole di mio padre | Francesca Comencini (2001)

Ispirandosi a due capitoli di quel capolavoro della letteratura italiana (per anni fatto passare per romanzo psicanalitico, fregandosene che l’autore non aveva per niente intenzione di romanzare una psicanalisi) che è La coscienza di Zeno, Francesca Comencini e Francesco Piccolo decontestualizzano la morte del padre del protagonista e il racconto della sua introduzione nella famiglia della futura moglie creando un’unità cinematografica a sé stante.

Risultati immagini per le parole di mio padre filmDimenticare la fonte di Svevo è il primo passo per accettare un film piccolo e complesso come Le parole di mio padre, in cui non si possono capire, ma solo intuire, la condizione stonata del protagonista, il suo essere appellato come pazzo, il suo fare claudicante.

Lo Zeno Cosini della fine del Novecento messo in scena dalla Comencini è un alienato romantico che lascia solo presagire l’inettitudine del suo corrispettivo di inizio secolo, alle prese, più che altro, da una parte con l’educazione sentimentale che lo vede legarsi in tre modi diversi alle tre figlie in età da marito di Giovanni Malfenti (la bella Ada, vero amore non corrisposto – ma fino a che punto – ed idealizzato; la nevrotica Alberta, seconda scelta impegnativa da cui viene respinto; e la dolce e bruttina Augusta, che l’ama da sempre) e dall’altra con i tentativi di liberarsi del fantasma del padre, il quale ha ritenuto opportuno mollargli uno schiaffo in punto di morte per manifestare l’insoddisfazione paterna.

L’effetto della decontestualizzazione può piacere o no, ma è un’originale esplorazione del testo letterario. Difficile ed elegante, rapido nella sua velocità latente, supportato dalla bella musica di Ludovico Einaudi, può contare su un Fabrizio Rongione praticamente perfetto.

Toni Bertorelli, nell’ingombrante ruolo del padre, è più un’assenza che una presenza. Dopotutto, considerando anche il personaggio di Malfenti impersonato da Mimmo Calopresti, è un film di padri da uccidere. Zeno involontario sessantottino? No, però ci sarebbe da riflettere.

LE PAROLE DI MIO PADRE (Italia-Francia, 2001) di Francesca Comencini, con Fabrizio Rongione, Chiara Mastroianni, Viola Graziosi, Claudia Coli, Mimmo Calopresti, Toni Bertorelli. Drammatico. ***

Un pensiero riguardo “Le parole di mio padre | Francesca Comencini (2001)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...