Immacolata e Concetta, l’altra gelosia | Salvatore Piscicelli (1980)

Si parla da secoli di scuola cinematografica napoletana, a ragione. Napoli, dopotutto, è un mondo a sé, un universo che vive in una dimensione tutta sua, con leggi determinate che sono più connesse alla vita vissuta in quanto tale che alla vita ideale e finanche idealizzata che contraddistingue molte altre parte della penisola.

Risultati immagini per immacolata e concetta

D’altro canto, la tradizione del melodramma popolare in Italia può rifarsi quasi soltanto all’esempio dell’imprescindibile trio Matarazzo-Nazzari-Sanson (lacrime assicurate in un tripudio di ingiustizie e sopraffazioni, inserito in un contesto prettamente provinciale), ed ha avuto proprio in Napoli un centro nevralgico, in particolar modo con l’istituzionalizzazione della sceneggiata nel cinema basso degli anni cinquanta.

L’operazione che in questo senso fa Salvatore Piscicelli è innanzitutto interessante a livello squisitamente cinematografico, perché rifonda il mèlo italiano (pardon napoletano) mettendo in atto una precisa scelta di campo: contaminare la florida tradizione napoletana con i canoni più essenziali, stilizzati e scarni di un certo cinema contemporaneo che trova la sua massima espressione in Fassbinder.

Se i riferimenti a Fassbinder sono quantomeno evidenti, è curioso vedere come Piscicelli (e la sua principale collaboratrice Carla Apuzzo) abbiano inserito elementi capitali del mondo partenopeo, soprattutto riferiti al campo teatrale in cui, si sa, Napoli regna.

La sceneggiata napoletana (roba da culto) viene asciugata dei suoi orpelli sia scenici che recitativi che proprio stilistici in senso lato, ambientata in luoghi quasi sudici in cui respiri l’odore della miseria umana e non, integrata di elementi decisamente non tipici ma che automaticamente diventano costitutivi: se è vero che la storia pone al centro un amore lesbico, è anche vero che immediatamente la circostanza omosessuale passa in secondo piano, poiché si afferma arrogante il vero carattere malsano della relazione, ossia la gelosia.

Al suono di tammurriate e danze popolari, la vicenda si districa in un’asciuttezza che è spigolosità, con una carica erotica nascosta non espressa attraverso le numerose scene di sesso, ma attraverso ciò che non si vede. Ed è certamente singolare notare come in un film che si concede praticamente tutto siano le cose nascoste ad essere quelle più interessanti.

Immagine correlata

Ad esempio, il personaggio di Concetta, che calibra freddamente ogni azione, mossa da estremistica passione, mostra tre o quattro volte reali impulsi umani: sono lacrime e sangue, ma l’interesse sta proprio nel percepire come lacrime e sangue crescano nella sua personalità. Al contrario, Immacolata è la regina della tragedia napoletana, con i suoi eccessi, le sue scosse e i suoi tormenti. Un esordio che fa tremare i polsi per la rigorosità libera e scatenata che trasmette con severa veemenza.

IMMACOLATA E CONCETTA, L’ALTRA GELOSIA (Italia, 1980) di Salvatore Piscicelli, con Ida Di Benedetto, Marcella Michelangeli, Tommaso Bianco, Lucio Allocca, Lucia Ragni. Mélo. *****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...