I ragazzi venuti dal Brasile | Franklin J. Schaffner (1978)

All’origine c’è un’idea folle, contenuta nel romanzo omonimo di Ira Levin: un nostalgico e sadico medico nazista ha esportato dal corpo morente del Fuhrer campioni di tessuto, generando poi novantaquattro maschi sparsi per il mondo condannati a vivere un’esistenza analoga a quella del piccolo Hitler (padre maturo, madre giovane e sottomessa, insegnanti che non lo capiscono, passione per la fotografia e il cinema…).

Risultati immagini per the boys from brazil (film)

Si dà il caso che il padre di Adolf morì quando il figlio aveva quattordici anni: allora il medico fa partire un’operazione atta all’uccisione di tutti quei novantaquattro padri. Sulle sue tracce si mette un vecchio cacciatore di nazisti. Fantapolitica, fantascienza, fantabiologia e tante altre cose che si muovono sul filo dell’assurdità, è un thriller ma anche una spy story che si rivolge alle paranoie del grande pubblico con efficacia ed impatto emotivo.

Va preso con le pinze, senza prenderlo mai realmente troppo sul serio, è puro mainstreaming anni settanta in cui, nonostante qualche lentezza qua e là specialmente nella prima parte (che forse andava asciugata in favore di un ritmo più tosto), si raggiungono gli obiettivi prefissati (angoscia, paranoia, divertimento, inquietudine) anche grazie alla incessante colonna sonora di Jerry Goldsmith.

Risultati immagini per the boys from brazil (film)

Personaggi memorabili: Gregory Peck sorprendentemente crudele (con tinta nera assassina), Laurence Olivier solennemente gigione (con finale illuminato ed illuminante). La loro rissa finale è straniante. Due donne che impreziosiscono un film maschile: Lilli Palmer come forte sorella di Olivier e Uta Hagen nei panni di una vecchia aguzzina decadente. Epilogo inquietantemente inutile.

I RAGAZZI VENUTI DAL BRASILE (THE BOYS FROM BRAZIL, U.S.A., 1978) di Franklin J. Schaffner, con Laurence Olivier, Gregory Peck, James Mason, Lili Palmer, Uta Hagen, Steve Guttenberg, Denholm Elliott, Rosemary Harris, Bruno Ganz. Thriller fantascienza. ** ½

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...