Liquirizia | Salvatore Samperi (1979)

Immagine correlataNato come risposta italiana ad American Graffiti, è una sorta di compromesso fra le esigenze autoriali tutt’altro che spocchiose di un autore fin troppo sottovalutato (Salvatore Samperi) interessato alle dinamiche giovanili meno scontate (basti pensare a Malizia, Nené o Ernesto), echi di una comicità godereccia da commediaccia dell’epoca (per quanto questo sia abbastanza edulcorato nel suo genere) e ambizioni bozzettistiche (c’è il ritratto di una provincia italiana di inizio anni sessanta).

Il risultato, però, è modesto più per frettolosità e faciloneria, da accreditare più agli sceneggiatori Giorgio Basile e Gianfranco Manfredi che al regista o a qualche particolare tematica o altro.

Quando vorrebbe elevarsi sopra la media (Enzo Cannavale che idolatra Eduardo chiamandolo “maestro” e attende il suo arrivo da anni) non riesce ad incidere fino in fondo e resta in superficie senza mai andare in fondo, seppur in un contesto brillante. Lentezze abbastanza evidenti nell’ultima parte dedicata alla messinscena dello spettacolo.

Malinconia all’acqua di rose. Alcuni studenti faranno carriera: Christian De Sica, non male, è incredibilmente sottomesso; Jenny Tamburi diventerà un’ottima direttrice di casting; il trentenne Giancarlo Magalli ha ancora i capelli.

LIQUIRIZIA (Italia, 1979) di Salvatore Samperi, con Christian De Sica, Barbara Bouchet, Jenny Tamburi, Giancarlo Magalli, Gigi Ballista, Teo Teocoli, Enzo Cannavale, Tino Schirinzi, Eros Pagni. Commedia. * ½

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...