C’era un cinese in coma | Carlo Verdone (2000)

Tra la fine degli anni novanta e l’inizio dei primi duemila, Carlo Verdone fu palesemente investito da una lenta crisi autoriale, dovuta più che altro alla società nella quale si viveva allora. Non era più tempo dei vari personaggi che l’avevano reso celebre e anche i film più delicati e agrodolci non sembravano riscuotere lo stesso successo.

C’era un cinese in coma, il film che è l’anticamera della maturità artistica di Verdone, è la storia di un fallito. Un altro, si direbbe, conoscendo il percorso verdoniano. Ma questo è un fallito senza appello. E lo è ancora di più perché bazzica dietro le quinte del mondo del presunto spettacolo di bassa lega. Non sapendo più che pesci pigliare, sfrutta il talento comico rivelato dal suo autista Nicola, che diverrà il pioniere della sexy-comicità, tutta giocata sulla sensualità del cabarettista e doppisensi a sfondo sessuale. Quando altri si accorgono di lui, Nicola, diventato Nicky, scarica il capo, già vittima dell’abbandono della moglie russa. E se anche la figlia intreccia una storia con la star…

Risultati immagini per c'era un cinese in coma

Una delle puntate più amare dell’itinerario di Carlo Verdone, scritta assieme al fido Pasquale Plastino e con Giovanni Veronesi, ma non delle più felici. Forse un po’ troppo diluita, l’opera pecca talvolta nel disegno fin troppo patetico del suo protagonista. Fino a che punto Verdone sia nel personaggio non è chiaro, ma è indubbio una qualche recondita empatia col personaggio. E non sempre lo script serve situazioni piacevoli (vedi il furto dell’incasso ad opera delle prostitute) e anche il finale lascia alquanto malinconici, con quei cazzotti serrati con amarognola rassegnazione, l’incendio della macchina.

Malinconico è il film, anche troppo per essere una commedia, con alcune scene da ricordare (tra cui la sfida ai go kart col bambino). Il titolo deriva dalla barzelletta che rivela la comicità di Nicky, interpretato da un sorprendente Beppe Fiorello, un cocktail di irriverenza e garbatezza, sensualità e mascolinità, al quale il generoso Carlo affida buona parte della scena.

C’ERA UN CINESE IN COMA (Italia, 2000) di Carlo Verdone, con Carlo Verdone, Giuseppe Fiorello, Marit Nissen, Anna Safroncik, Nanni Tamma, Giorgia Bongianni, Antonia Liskova. Commedia. ** ½

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...