Il giorno della locusta | John Schlesinger (1975)

Immagine correlataUn po’come Gli ultimi fuochi, è il romanzo di un’epoca perduta, quella della Hollywood che negli anni trenta raggiunse il massimo splendore. Tratto da un romanzo malato e crudele di Nathanael West, è una aspra, e cinica rapsodia sulle disfunzioni del sistema hollywoodiano, visto attraverso le esperienze di alcuni personaggi che vanno a comporre un coro tra il grottesco e l’inquietante, il disperato e il deprimente.

Dall’antipatico bambino prodigio con madre petulante al nanetto dalle mille risorse, passando per l’attricetta senza talento con vecchio padre attore di vaudeville caduto in disgrazia e così via. Il tutto filtrato dagli occhi di un aspirante scenografo che si arrabatta nelle megaproduzioni e s’invaghisce dell’attricetta.

Il giorno della locusta arriva, nella carriera di John Schlesinger, dopo il trionfo dell’intimo Un uomo da marciapiede, premiato con l’Oscar. Non è un particolare da poco, considerando la magniloquenza epica del film, sottolineata soprattutto da un reparto tecnico in stato di grazia (fotografia evocativa di Conrad Hall, costumi filologici di Ann Roth, scenografie magnifiche a cui misero mano grandi arredatori degli anni trenta come George Hopkins, musiche avvolgenti di John Barry), e la dimensione larger than life della narrazione e della messinscena.

Fondamentalmente è una raccolta di episodi di quotidiana alienazione e di vaga miseria morale legati dall’impossibilità di uscire da un mondo attraente quanto crudele, culminanti in un finale devastante e perverso che procura un’ansia non indifferente e trasmette il disincanto di coloro che si spingono loro malgrado verso la fine.

Film decadente come pochi altri, sicuramente imperfetto e con una serie di problemi, specie nella prima parte, di fluidità e di organicità (e anche tecnicamente Schlesinger costruisce un’opera sofferente, una specie di capolavoro mancato o sbagliato), infetta il pubblico gettandolo in una dimensione paranoica ed asfissiante.

Risultati immagini per the day of the locust

Il primo nome in ditta, l’esimio Donald Sutherland, compare dopo un’ora e, nonostante qua e là sia un po’ troppo sopra le righe, lascia il segno con il suo disturbato, silente ed ossessivo Homer Simpson. Nel coro, menzioni speciali al nano pratico Bily Barty e all’eccellente Burgess Meredith, che ha almeno due o tre momenti in stato di grazia, compresa la parentesi che vede coinvolta la grande Geraldine Page come santona guaritrice (grande momento spudoratamente americano).

IL GIORNO DELLA LOCUSTA (THE DAY OF THE LOCUST, U.S.A., 1975) di John Schlesinger, con Donald Sutherland, Karen Black, Burgess Meredith, William Atherton, Geraldine Page, Bo Hopkins. Drammatico. ****

Un pensiero riguardo “Il giorno della locusta | John Schlesinger (1975)

  1. […] Elmer incanala il suo bisogno di comando, controllo ed onnipotenza nel supportare, appunto, la missione di sorella Sharon (cioè la McPherson: è Jean Simmons, bravissima e più matura dei suoi trent’anni), che alla pari dei fedeli si lascia incantare dal fascino di quest’uomo che sembra coniugare un’ideale connessione con il divino ad una pragmatica gestione commerciale del business religioso-spettacolare, un qualcosa che avremmo poi rivisto nelle memorabili sequenze della predicatrice Geraldine Page ne Il giorno della locusta. […]

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...