All That Jazz – Lo spettacolo continua | Bob Fosse (1979)

ALL THAT JAZZ – LO SPETTACOLO CONTINUA (ALL THAT JAZZ, U.S.A., 1979) di Bob Fosse, con Roy Scheider, Jessica Lange, Ann Reinking, Ben Vereen, Leland Palmer. Musical. *****

Ambizione di una certa categoria di registi è quella di realizzare il proprio 8 e ½. Il capolavoro di Federico Fellini è tale anche perché è la miracolosa sintesi di cosmo e microcosmo, di profondità universale ed interesse ombelicale, di grandi temi umani e piccoli psicodrammi intimi. Woody Allen ne ha dato la sua versione negli anni ottanta con Broadway Danny Rose, ritratto di una crisi, e tanti altri registi, alcuni dichiarandolo ed altri nascondendolo, si sono rifatti all’autoanalisi artistica di Fellini (la celebre “masturbazione di un artista”, come disse Morandini).

Ma colui che meglio ha omaggiato il maestro è sicuramente Bob Fosse, che cinematograficamente parlando resta il miglior autore di musical dai tempi di Gene Kelly e Stanley Donen a tutt’oggi, che costruì questo magico carosello sul progressivo crollo psicofisico di un coreografo dedito a donne, alcol ed eccessi vari, nonché di grande successo.

È un evidente autoritratto per niente celato di Fosse stesso, la cui passione e il cui coinvolgimento esplodono con viscerale prevedibilità da subito: ne è venuto fuori un film praticamente perfetto da un punto di vista tecnico (Oscar a scenografie, costumi, montaggio e colonna sonora, ma lodi anche alla fotografia scintillante di Giuseppe Rotunno) e meravigliosamente malsano sotto il profilo narrativo, con flashback e visioni oniriche che ne sottolineano la dimensione a metà tra la realtà e il sogno.

Risultati immagini per all that jazz film

Roy Scheider, scavato e segnato dalla vita scellerata del suo personaggio, è magnifico nel rappresentare l’alter ego (super ego?) di Fosse, che si ritrova a dialogare con una angelica Jessica Lange come in un qualunque Settimo sigillo: qui la morte gioca a dadi con una vita esagerata, passando in rassegna gli errori e le inadeguatezze di un’esistenza non molto lunga ma abbastanza intensa, seducendo il moriturus e mettendolo di fronte al destino ridicolo di coloro che hanno vissuto troppo l’ambizione di superare se stessi.

Un film autodistruttivo, commovente per quanto è disturbante e malinconico, elegantissimo e fluido nell’orchestrazione di numeri musicali, monologhi e dialoghi con le tre donne della vita (l’ex moglie devota, la figlia adolescente e l’amante giovane e premurosa), aspro nella constatazione del fallimento e liberatorio nell’attenta, raffinata e pignola messinscena dei balletti. Un grande film soprattutto di regia, poco celebrato e straordinariamente sincero e spietato.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...