Arriva la bufera | Daniele Luchetti (192)

Alla sua prima comparsa, il quarto film di Daniele Luchetti non convinse, e generalmente non convince nemmeno oggi. Etichettato come irrisolto e confuso, è indubbia l’eccessiva presenza di metafore e simbolismi, a partire dall’attività onirica di Silvio Orlando che diventa argomento di studio della promessa sposa Margherita Buy fino alle allusioni più spicciole del magistrato ripulitore ma corrotto (dall’amore) al maneggione disonesto ma buono ma anche del vulcano in attesa di eruttare (con pioggia di spazzatura finale rimasta proverbiale e finanche profetica).

Però il film non è totalmente da buttare nell’inceneritore. Il pretesto del paesello per parlare dei mali dell’Italia non è affatto nuovo, ma il gusto con cui Luchetti e i fedeli Stefano Rulli e Sandro Petraglia disegnano i personaggi e l’ambiente non è da sottovalutare. Tanto per fare un esempio, le donne che buttano i piatti per strada durante il corteo verso la chiesa in cui si celebra il matrimonio è qualcosa che va al di là dello stereotipo, così come l’inganno vocale che compie la sorella della Buy, cantante di successo, e le scosse di assestamento che preannunciano una disgrazia (rigeneratrice?).

Risultati immagini per arriva la bufera film

I caratteri, probabilmente figurine didascaliche, sono funzioni, dal giudice inflessibile e malinconico Diego Abatantuono allo speculare Orlando criminale e vivace, dalla svanita ereditiera Buy all’ambiguo magistrato Eros Pagni, dal grossolano parrucchinato che ricicla rifiuti artigianalmente Lucio Allocca alla svaporata e nevrotica vulcanologa Angela Finocchiaro.

La migliore in campo è una Marina Confalone scatenata nel ritratto della cinica, sospettosa e pericolosa industriale dal labbro inarcato e l’occhio indifferentemente diffidente. Il finale, imprevedibilmente scontato, suggerisce l’idea della fuga (curioso che vi sia Abatantuono, testimonial per eccellenza del regista della fuga, cioè Gabriele Salvatores), e questo sì che è davvero il punto irrisolto del film: sì, arriva la bufera, e poi?

ARRIVA LA BUFERA (Italia, 1992) di Daniele Luchetti, con Diego Abatantuono, Margherita Buy, Silvio Orlando, Marina Confalone, Angela Finocchiaro, Eros Pagni, Lucio Allocca, Stefania Montorsi, Vincenzo Failla, Antonino Iuorio. Commedia. **

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...