Cemento armato | Marco Martani (2007)

In alcuni paesi si festeggia il Carnevale con una sfilata di carri allegorici. Poiché non ci sono più gli artigiani di una volta, si riprendono i pupi realizzati negli anni precedenti, si piazzano sulle medesime strutture e si mettono su carri alquanto bolsi in cui gli stessi pupi sono riadattati, verniciati, truccati in modo diverso. Se hai occhio attento, ti rendi conto immediatamente della mancanza di originalità e di pressapochismo. Cemento armato sembra proprio uno di quei carri allegorici.

L’operazione di Lucisano è semplice: riciclare le facce vincenti dei suoi due blockbuster Notte prima degli esami ed inserirli in un contesto diverso. Un contesto nero, un nero de Roma come tira oggi, un po’ tarantinato e un po’ anti-mocciano. Il film non regge. Per un semplice motivo: manca di una sua ragione d’esistere. Cosa lo muove? Cosa vuole rappresentare?

Risultati immagini per cemento armato film

Pur non essendo tutto da buttare, Martani conosce i palati poco fini del suo pubblico di riferimento (dopo anni e anni di cinepanettoni a gogò) e allo stesso tempo ha una discreta cultura cinematografica, che gli permette di infarcire il prodotto con elementi pretenziosamente autoriali. Del Romanzo criminale a cui vorrebbe bagnare il naso, mancano il sudiciume e il cinismo del genere: alla fine non è né un action movie all’americana né tantomeno un poliziottesco alla matriciana, né noir né un thriller. Inquietante, più che altro, è leggere il nome del giallista Sandrone Dazieri tra gli sceneggiatori.

Restano gli attori, forzatamente, violentemente, coattamente infilati nella periferia romana, insozzati e snaturati, accarezzati dal ridicolo involontario. Non solo lo svaporato Vaporidis, a dir poco incredibile, e una Crescentini sprecata, ma soprattutto un caricaturale ed inadeguato Faletti, che non funziona come ideale protagonista dei suoi romanzi. Eppure lo spunto non era neppure male, con la rottura degli specchietti e tutto ciò che segue, e Ninetto Davoli funziona, ma non basta.

CEMENTO ARMATO (Italia, 2007) di Marco Martani, con Nicolas Vaporidis, Giorgio Faletti, Carolina Crescentini, Dario Cassini, Matteo Urzia, Ninetto Davoli, Paolo Bernardini. Noir. *

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...