Sorelle di scena | Jin Xie (1964)

Ritornato al massimo splendore grazie ad un sapiente restauro che ne esalta i colori stilizzati e caldissimi, Wutai Jiemei (titolo internazionale Stage Sisters, in Italia conosciuto da pochissimi come Sorelle di scena) è un film figurativamente bellissimo in cui la fotografia limpida e cristallina di Zhenxiang Chen e Daming Zhou conferisce ai corpi in scena, vestiti con filologica correttezza di costumi sontuosi anche quando miseri, uno splendido volume dalle pregevolezze quasi scientifiche.

La storia, scritta dal regista Jin Xie con Liung Wa e Jin Xu, racconta l’epopea ventennale di due amiche entrambe attrici di diversa estrazione artistica (l’una è praticamente nata in scena, l’altra viene accolta dalla compagnia in fuga da un matrimonio combinato) e di altrettanto differente ambizione, le cui strade sentimentali e professionali si dividono tra gli anni trenta e quaranta (una prosegue la propria attività politicamente ed artisticamente impegnata, l’altra si sposa con un oppositore dell’amica) per poi ricongiungersi in un finale ad alto tasso melodrammatico.

Immagine correlata

Il tema è intimamente legato alla storia cinese e quindi, forse, per apprezzarne appieno i sottotesti ideologici e i riferimenti culturali bisogna conoscere un po’ di quanto è accaduto in quel Paese nell’arco del Novecento. In ogni caso il film soffre indubbiamente di una certa lentezza, nella prima parte nonostante i curiosi numeri da finto musical (un finto balletto?), con i corpi e i volti in funzione della musica intonata.

Prende il volo dallo snodo del tradimento perpetrato dall’amica più immatura perché porta con sé i germi spettacolarmente melodrammatici delle allusioni, forse involontarie, omoerotiche se non addirittura incestuose per il rapporto tra vere e proprie sorelle che si instaura tra le due. D’altronde il melodramma, anche quando ha una veste classica come in questo caso, funziona quando il conflitto delle passioni è indipendente da qualunque ragionevole motivo ed è in più spinto all’estremo dell’assennatezza

Diventa poi una specie di legal mélo con le scene madri delle deposizioni in tribunale e l’opprimente presenza della politica a determinare il corso degli eventi, finché sfocia nel colpo basso della pura propaganda finale con effetti oggi assolutamente comici. Dramma proletario con qualche influenza della golden age americana, femminista se non altro nelle intenzioni, questo Wutai Jiemei ha indubbiamente un suo perché ma risente, specialmente nel primo tempo, di una mancanza di equilibrio narrativo.

SORELLE DI SCENA (WUTAI JIEMEI, titolo internazionale: STAGE SISTERS, Cina, 1964) di Jin Xie, con Xie Fang, Cao Yindi, Feng Qi, Gao Aisheng, Shangguan Yunzhu. Drammatico. ** ½

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...