Il silenzio degli innocenti | Jonathan Demme (1991)

Tratto dal romanzo di Thomas Harris, Il silenzio degli innocenti è allo stesso tempo un thriller psicologico e fisico che mantiene sempre la tensione alta e ricorre ad un esercizio della violenza mai gratuita e nel brutale realismo della crudeltà. Ciò accade grazie ad una sceneggiatura di ferro che non rinuncia a dispensare una sottile, necessaria, ironia nera ed avvince attraverso una regia sapiente nella costruzione della tensione.

Film trascinante, irresistibilmente fluido, senza un solo minuto in eccesso, è il risultato di una straordinaria macchina narrativa assistita dalla potenza di una forte messinscena. La storia pone al centro due personaggi agli antipoti in un crime allarmante: Clarice, una giovane recluta dell’FBI, viene incaricata di far visita in carcere al dottor Hannibal Lecter, uno psichiatra cannibale pluriomicida, per ottenere informazioni riguardo un serial killer che sta terrorizzando l’America. Poiché si accordano sulla legge del “quid pro quod”, lei è costretta a rivelare notizie sul suo agitato passato.

Risultati immagini per the silence of the lambs

Insomma, un gioco delle parti al quale è difficile resistere e, se si escludono un’efferata manciata di minuti, anche incredibilmente sobrio, un thriller dell’anima prima che del corpo. Con un finale spiazzante che getta lo spettatore in un’angoscia ancor più tremenda. Thriller memorabile dove tutto è studiato a meraviglia, addirittura teoricamente trionfale come nella sequenza del blitz sbagliato impreziosita del montaggio alternato che inganna il nostro sguardo perché coincide con quello del maniaco.

Forse la definitiva consacrazione del grande Jonathan Demme, un regista che sa davvero ripensare i generi in una prospettiva non sterilmente cinefila (pensiamo almeno a quella strepitosa commedia melodrammatica che è il furibondo road movie Qualcosa di travolgente). Ottenne un meritato Oscar, come il film, la sceneggiatura di Ted Tally e i due protagonisti. Se Jodie Foster è coinvolgente, ruvida ed appassionata nel suo ruolo più fortunato, Anthony Hopkins trova il ruolo della vita col sublime dottor Lecter, un concentrato insuperabile di potenza magnetica, sottile umorismo e crudele disumanità.

IL SILENZIO DEGLI INNOCENTI (THE SILENCE OF THE LAMBS, U.S.A., 1991) di Jonathan Demme, con Jodie Foster, Anthony Hopkins, Scott Glenn, Anthony Heald, Ted Levine, Frankie Faison, Kasi Lemmons, Diane Baker, Roger Corman, Brooke Smith. Thriller. *****

Un pensiero riguardo “Il silenzio degli innocenti | Jonathan Demme (1991)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...