Il mistero del marito scomparso | Norman Foster (1950)

La questione del restauro dei film del patrimonio sta progressivamente interessando non soltanto la dimensione artistica delle pellicole riportate all’antico splendore ma anche il risvolto commerciale che possono ancora avere.

La scelta, da parte dell’organizzazione della stampa estera di Hollywood (quella che assegna i Golden Globe), di restaurare un b-movie assume dunque un significato particolare: guardare di nuovo un film non celebrato da allori con la sensibilità contemporanea è un esercizio interessante, perché permette di intravedere stimoli ed intuizioni in un prodotto essenzialmente di cassetta, senza cadere nella trappola di gridare sterilmente al capolavoro.

womanontherunen1bx3

Dimenticatissimo ed intrigantissimo poliziesco, «influenzato da Welles» (cit. Morandini – e si vede), buio e cupo soprattutto per l’incidenza delle conseguenze dell’amore, anche al sole dei messaggi in codice: se il titolo italiano insiste sul “giallo”, quello originale evidenzia la fuga della donna, che è la vera protagonista del film (la brava Ann Sheridan, ma anche l’ispettore Robert Keith e il cane meritano elogi).

La sequenza finale sull’ottovolante è fantastica. Visto in sala, al colpo di scena il pubblico è scoppiato: benché sia del tutto figlio del suo tempo, funziona ancora e benissimo. Dura poco: il giusto.

IL MISTERO DEL MARITO SCOMPARSO (WOMAN ON THE RUN, U.S.A., 1950) di Norman Foster, con Ann Sheridan, Robert Keith, Dennis O’Keefe, Ross Elliott. Poliziesco. ***

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...