Le quattro giornate di Napoli | Nanni Loy (1962)

Realizzato in quella particolare stagione del cinema italiano in cui si rielaborava l’esperienza bellica dopo l’assordante silenzio degli anni cinquanta (qualche titolo: La grande guerraIl generale Della RovereTutti a casaLa ciociaraLa lunga notte del ’43Un giorno da leoniIl federale), Le quattro giornate di Napoli è il film più bello ed importante di Nanni Loy.

Rapsodico affresco civile consacrato al popolo napoletano, è una straordinaria tragedia popolare che contamina i codici drammatici della sceneggiata (le masse che gesticolano e si strappano i capelli: cito per tutti l’esaltante espressività di Pupella Maggio) con elementi quasi brechtiani (il pezzo di bravura della gigantesca Regina Bianchi), lo stile secco e quasi cronachistico delle parti più storiche (lo spaesamento del capitano di Gian Maria Volontè) e il pathos straziante delle scene madri (il bambino che cade sotto le bombe è Gennarino Capuozzo, a cui il film è dedicato).

Risultati immagini per le quattro giornate di napoli film

Scritto con lucidissima cognizione da causa da un team eterogeneo (accanto a Loy, due scrittori, l’antifascista partenopeo Carlo Bernari e il genuino e malinconico Vasco Pratolini; in più la coppia, allora in gran forma, formata da Pasquale Festa Campanile e Massimo Franciosa), è un film in cui ognuno dà il proprio contributo con sincerità e potenza (per dire: la fotografia struggente di Marcello Gatti, la musica accorata di Carlo Rustichelli, il montaggio ritmato di Ruggero Mastroianni) e che appartiene moltissimo anche a Goffredo Lombardo e alla sua migliore ideologia produttiva (cinema popolare d’altissimo profilo d’autore).

Recitato in maniera anonima in omaggio alla popolazione, candidato all’Oscar per il film straniero nel 1963 e per la sceneggiatura originale nell’anno successivo (i complicati meccanismi dell’Academy), è un film figlio del suo tempo e autenticamente universale.

LE QUATTRO GIORNATE DI NAPOLI (Italia, 1962) di Nanni Loy, con Gian Maria Volontè, Lea Massari, Regina Bianchi, Pupella Maggio, Aldo Giuffré, Jean Sorel. Storico guerra drammatico. ****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...