Recensione: Smetto quando voglio – Masterclass

SMETTO QUANDO VOGLIO – MASTERCLASS (Italia, 2016) di Sydney Sibilia, con Edoardo Leo, Stefano Fresi, Greta Scarano, Pietro Sermonti, Paolo Calabresi, Libero De Rienzo, Valerio Aprea, Lorenzo Lavia, Valeria Solarino, Giampaolo Morelli, Marco Bonini, Rosario Lisma, Francesco Aquaroli, Luigi Lo Cascio. Commedia azione. ***

Risultati immagini per smetto quando voglio masterclass poster

Solito discorso: è ancora la fame il tema su cui fonda il secondo capitolo di Smetto quando voglio, l’unico brand de’ noartri degli anni dieci. Come nella migliore tradizione nostrana, c’è un gruppo di disperati, costretti a mantenere la componente cialtrona malgrado i profili accademici, che trova il modo di fare il botto (fare i soldi, quindi mangiare, dunque mangiarsi i soldi) in una maniera poco lecita.

A renderlo un prodotto autonomo è paradossalmente la sua apparente mancanza di autonomia: citazionista fino all’esasperazione, ammiccante tanto alla commedia all’italiana quanto alle serie americane, ispirato al clima pulp degli anni novanta senza omettere le suggestioni di quel che resta del postmoderno, fino alle connessioni con le webserie romanocentriche. Volendo azzardare qualche titolo alla rinfusa: I soliti ignoti e Breaking Bad, Sette uomini d’oro e Snatch, Le iene e The Pills.

Tutto questo apparato di cose già viste e prevedibili, che forse trova una figura ideale nella matrioska, diventa qui l’esaltate porto franco di una commedia, quella italiana, assolutamente incapace di andare al di là del remake sterile, della farsa trita, del ripiegamento in una realtà che non esiste.

Proponendo una variante della storia borderline del primo capitolo, sottolineata ancora dagli acidi ed alterati colori di Vladan Radovich, Masterclass non logora i già ben definiti caratteri perché offre loro una credibile ed economa occasione per proseguire la storia.

Benché non sempre sappia gestire bene l’ingresso dei tre nuovi compagni di banda, limitandosi ad affidarli una serie di gag divertenti sebbene talora fini a se stesse, la sceneggiatura di Sydney Sibilia, Francesca Manieri e Luigi Di Capua lavora meglio sul contraltare legale rappresentato dall’ispettore Greta Scarano.

Risultati immagini per smetto quando voglio masterclass

In questo senso il film dà il meglio quando la vecchia banda è impegnata in operazioni folli (l’inseguimento nel sito archeologico) e nelle relazioni dell’ormai maturo Edoardo Leo con la poliziotta, un po’ di sapore americano e un po’ da poliziottesco comico (molto romano, ma qui è tutto molto, fin troppo, romano).

Dacché si capisce che c’è una maggiore attenzione nei confronti del versante action, sancito dalla spettacolare sequenza del treno che però appare così forte proprio in virtù dell’elemento comico (gli assurdi mezzi di trasporto impiegati dalla banda).

Si è diffusamente parlato dell’importante operazione produttiva di derivazione americana (il terzo capitolo è stato girato in contemporanea e uscirà l’anno prossimo), dell’intuito commerciale di Matteo Rovere (l’autore dell’ottimo Veloce come il vento) in tandem con il rigenerato Domenico Procacci.

Ma, al di là di tutto, è un immenso piacere godere, per esempio, della notevole sequenza del treno o del gustoso ancorché pretestuoso momento lisergico d’animazione. Sono chiari ricalchi di film che conosciamo a memoria, ma ci sono un’audacia e una temerarietà che dimostrano la resistenza di un cinema denso, piacione, popolare, ragionato, ruffiano studiato ma soprattutto vivo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...