13° Biografilm Festival | Recensione: Parigi può attendere (Paris Can Wait)

PARIGI PUÒ ATTENDERE (PARIS CAN WAIT, U.S.A., 2016) di Eleanor Coppola, con Diane Lane, Arnaud Viard, Alec Baldwin. Commedia. **

Immagine correlata

Parte da un’esperienza personale, Parigi può attendere, esordio – meglio tardi che mai? – dell’ottantunenne Eleanor Coppola, moglie di Francis e madre di Sophia. Dietro la storia c’è un fatto davvero accaduto alla signora che, mentre il leggendario regista era impegnato in un tour nell’est Europa, ha viaggiato da Cannes a Parigi, assieme ad un collaboratore del marito, in macchina.

Per la prima volta alle prese con un film di fiction, dopo alcuni documentari dedicati ai lavori dei familiari, Mrs Coppola sceglie la via dell’intimismo bucolico, accompagnando la cinquantenne consorte americana di un fin troppo impegnato produttore dalla Croisette alla capitale, a bordo dell’auto d’epoca del maliardo socio francese del marito.

Con il tipico sguardo dell’americano in Europa, il film è una carrellata di idilliche cartoline turistiche suggellata, con una scelta involontariamente didascalica, dallo scorrimento delle fotografie scattate dalla compulsiva ed effervescente protagonista.

Risultati immagini per paris can wait

Che è Diane Lane, una di quelle attrici che è sempre un piacere vedere in scena per eleganza, grazia e professionalità, ancora una volta straniera in vacanza dopo Sotto il sole della Toscana, con cui condivide la visione oleografica, il feticismo culinario, il romanticismo da villeggiatura. Nella seconda parte s’insinua una triste dimensione melodrammatica, ma la regia scolastica non è all’altezza dell’indubbia sincerità sottesa.

Pur non sgradevole, Parigi può attendere è solo l’ultimo esempio di un filone difficilmente ostile alla solita prospettiva elitaria del “vivere meglio lontano dalla frenesia del mondo” (un po’ sulla scia di Un’ottima annata), un tripudio di oneste banalità sulla tranquillità del mangiare e bere in posti arcadici e sull’antico cotè romantico della Francia, francamente irricevibile nei momenti “artistici” in cui i protagonisti immaginano di evocare i quadri dell’impressionismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...