Summertime – 2 | L’ombrellone | Dino Risi (1965)

l-ombrellone-locandina-lowIl boom è finito e siamo solo al millenovecentosessantacinque. Un altro paio d’anni e vai con la contestazione giovanile. La comunità posta sotto la lente di De Concini e Risi è un gruppo di persone annoiate che ammazza il tempo con gli ultimi svaghi di una stagione morente. Il valore principale de L’ombrellone sta proprio in questa consapevolezza della decadenza di un mito borghese (la villeggiatura).

L’ingegnere Enrico (ammogliato ad una malinconica Sandra Milo all’apice) è l’anticamera laica del Vittorio Borghi che dominerà decadente ne Le stagioni del nostro amore dell’anno successivo. È l’individuo che più di tutti avverte il disagio di quella brigata di goliardici quarantenni senza riferimento alcuno: senza un definito colore politico (diciamo la maggioranza silenziosa), sprovvista di senso civico e di una qualche idea sociale, interessata alla frivolezza, socialista nel senso di socialité.

Coscienza critica della comunità, Enrico dalla pipa in bocca vorrebbe evadervi, ma non ci riesce perché non ne è capace: è troppo borghese per scappare dal conformismo del ceto al quale appartiene.

L’ombrellone è lo status estivo, l’indispensabile appiglio della stagione baciata dal sole: se ti accaparri quel posto all’ombra sulla riva, sei qualcuno, conti. Almeno per quei due o tre mesi di mare. L’occhio di Dino Risi (che di film balneari e crudeli ne sa qualcosa) è attento, arguto, ma anche disorientato, distaccato e spesso davvero con quel cinismo da borghesia lombarda come solo lui poteva.

L’ombrellone non è un film riuscitissimo, ma la ragione è chiara: ingolfandosi in se stesso alla ricerca di un qualche motore che implichi l’esistenza stessa della storia, non trova lo sbocco giusto, si perde qua e là in macchiette e in situazioni da aneddoto.

Risultati immagini per l'ombrellone film

Si regge sul personaggio contraddittorio di Enrico, ma è una base esile: il buon Salerno, pur bravissimo, è un po’ smarrito tra i troppi ombrelloni spuntanti nella torrida spiaggia di Riccione e l’overdose di canzonette da juke box (regna Il mondo di Jimmy Fontana). E proprio per sottolineare l’estremo e latente disagio esistenziale e forse generazionale, il finale lascia aperta la circostanza della continuazione della stessa vita.

L’OMBRELLONE (Italia, 1965) di Dino Risi, con Enrico Maria Salerno, Sandra Milo, Daniela Bianchi, Jean Sorel, Leopoldo Trieste, Lelio Luttazzi, Raffaele Pisu. Commedia. ** ½

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...