Venezia 75 | Recensione: Un giorno all’improvviso

UN GIORNO ALL’IMPROVVISO (Italia, 2018) di Ciro D’Emilio, con Giampiero De Concilio, Anna Foglietta, Fabio De Caro, Massimo De Matteo, Biagio Forestieri. Drammatico. ** ½

Opera prima, adolescente, disagio. Non proviamoci nemmeno a calcolare il numero di volte che abbiamo visto film incardinati su queste tre caratteristiche. Aggiungiamoci anche il luogo, l’inflazionatissima provincia campana, ed ecco che il repertorio è al completo. Per fortuna, sulla carta Un giorno all’improvviso è più banale di quanto effettivamente non sia sul grande schermo, nonostante il manierismo dietro l’angolo.

Al primo lungometraggio dopo quattro corti, Ciro D’Emilio segue l’antica – e tutto sommato valida – convinzione che all’esordio si deve parlare di temi vicini dei quali si conosce abbastanza. Al contempo si inserisce nel solco di un filone inesauribile benché congestionato, in Italia come nel resto del mondo: il coming of age di un ragazzo a cui la vita non ha arriso in un contesto problematico.

Risultati immagini per un giorno all'improvviso film

In questo caso un diciassettenne (l’acerbo Giampiero De Concilio) rinnegato dal padre e con una madre borderline (Anna Foglietta in abile overacting), che ha abbandonato la scuola, lavora nelle terre di famiglia e presso una pompa di benzina, mentre sogna di trasferirsi grazie al suo talento nel calcio notato dagli osservatori del Parma.

Pur dimostrando tutta l’empatia possibile nei confronti di un ragazzino costretto a crescere troppo in fretta, D’Emilio non scade nel patetismo attraverso l’indulgenza, preferendo un racconto a suo modo esemplare in cui il riscatto annunciato si rivela infine un’ennesima illusione. L’aspetto più interessante del film sta proprio qui, nella speranza montata fino alla sua negazione, malgrado l’apologo sia talmente prevedibile da non riuscire mai a dire qualcosa di davvero nuovo.

Ed è un’obiezione che nasce nel momento in cui Un giorno all’improvviso viene selezionato in Orizzonti, la sezione che ha l’obiettivo di mostrare “nuove tendenze estetiche ed espressive del cinema mondiale”. Intendiamoci, il film è decorosissimo ma si sente sempre dietro l’angolo un certo sentore derivativo e poco personale.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...