La ragazza in vetrina | Luciano Emmer (1961)

Non bisogna essere timidi di fronte ad un film sfortunato e martoriato come La ragazza in vetrina. E quindi diciamolo, senza paura né vergogna: è un capolavoro incredibile, abbacinante, assoluto. E ancora: è un delitto che la carriera cinematografica di Luciano Emmer si sia interrotta dopo questo film, per riprendere un trentennio dopo non proprio all’altezza del suo supremo e sottovalutato passato.

Risultati immagini per la ragazza in vetrina

Quintessenza di una modernità coraggiosa e consapevole, gemma nascosta nel fenomenale primo lustro degli anni Sessanta italiani (senza paura: il miglior cinema del mondo in quel momento), l’ottavo lungometraggio del regista milanese è tornato allo splendore forse mai davvero goduto appieno grazie ad un restauro che ha l’ulteriore merito di aver recuperato alcune scene tagliate dalla censura.

La ragazza in vetrina, infatti, presentava due questioni del tutto indigeste al potere democristiano ed è difficile credere che a Emmer non fosse chiara una situazione così spericolata. Al di là del tema enunciato dal titolo, c’è una prima mezz’ora assolutamente eccezionale per densità realistica ed intuizioni visive – anche grazie allo sfolgorante contribuito dell’operatore Otello Martelli – che racconta il lavoro degli emigrati italiani nei Paesi Bassi, impegnati nelle devastanti miniere di carbone ed ammucchiati in villaggi ai margini della società, nell’attesa del chimerico ritorno a casa.

È sorprendente vedere tante affinità – molto probabilmente ignare agli autori – con un altro film mitico, il belga Già vola il fiore magro di Paul Meyer (1959), che focalizza l’attenzione sul tema dei migranti economici italiani con una lucidità addirittura spietata e che sembra fare capolino nello sguardo qui pessimista di Emmer. A questa suggestione vanno aggiunti i contraccolpi della tragedia di Marcinelle del 1956, e ciò ci permette di riallacciarci all’altra grande problematica del film.

Arriviamo al sodo: era accettabile assistere alla storia di due italiani emigrati per lavoro – con il recente lutto a determinare l’inevitabile aura dei martiri dunque eroi immacolati di una patria ipocrita – disposti a pagare delle prostitute, professioniste regolari nei Paesi Bassi (ma non nell’Italia della Legge Merlin che aveva abolito le case chiuse), per trascorrere un weekend spensierato?

Davvero Emmer credeva di poterla passare liscia mettendo in scena uno scafato minatore (il rude Lino Ventura) con “amica” stabile (strepitosa Magali Noël) e un timido giovanotto (il timido Bernard Fresson) affascinato dalla misteriosa titolare del film (l’abbagliante Marina Vlady)? Davvero, nonostante la rivoluzione de La dolce vita, sperava che si minimizzassero la puntata nel bar gay o la nonchalance con cui vengono pagate le donne?

Risultati immagini per la ragazza in vetrina

Poiché non crediamo che Emmer fosse sprovveduto, allora è giusto e necessario celebrare de La ragazza in vetrina la potenza addirittura eroica per la capacità con cui getta il cuore oltre l’ostacolo, sfidando le doppiezze del sistema con la spudorata audacia di chi ha scelto la naturalezza come filosofia narrativa. Alla sceneggiatura ha messo mano anche Pier Paolo Pasolini, ma è impossibile non ricordare l’autore del soggetto: è Rodolfo Sonego, figlio di emigrati, veneto come il personaggio di Fresson, che non fu solo “il cervello di Alberto Sordi” ma anche il nostro migliore scrittore-viaggiatore. Lo ripetiamo: un capolavoro.

LA RAGAZZA IN VETRINA (Italia, 1961) di Luciano Emmer, con Lino Ventura, Bernard Fresson, Magali Noël, Marina Vlady, Giulio Mancini, Antonio Bades. Commedia drammatico. ****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...