Recensione: Charlie Says – Charlie dice

Al cinema

BY LORENZO CIOFANI

CHARLIE SAYS (U.S.A., 2018) di Mary Harron, con Matt Smith, Suki Waterhouse, Hannah Murray, Merritt Weaver, Marianne Rendón, Kauli Carter, Chace Crwaford. Biografico drammatico. ** ½

Il Charlie del titolo è proprio lui, quel Charlie Manson che si ritrova ora al centro di un film che dapprincipio si presenta più ortodosso rispetto all’imminente lavoro sul tema di Quentin Tarantino. Più di lui, ad essere protagoniste sono le parole che dice, recepite dalle sue adepte con cieca osservanza. Finite anni dopo in carcere, tre ragazze della setta si confrontano con una ricercatrice che vuole metterle di fronte alle loro responsabilità.

Immagine correlata

Nel solo del suo film più famoso, il cult American Psycho, Mary Harron torna ad affrontare un soggetto criminale, scegliendo quello forse più decisivo per capire un passaggio tra due epoche, nella stagione più lisergica e indisciplinata della nazione. Più che un biopic, vuole tracciare più che altro uno…

View original post 216 altre parole

Un pensiero riguardo “Recensione: Charlie Says – Charlie dice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...