Venezia 76 | Recensione: The Perfect Candidate

THE PERFECT CANDIDATE (Arabia Saudita-Germania, 2019) di Haifaa Al-Mansour, con Nora Al Awadh, Dae Al Hilali, Mila Al Zahrani, Khalid Abdulraheem. Drammatico. ** ½

Esiste un cinema delle periferie rivolto al centro. Per essere meno criptici: esiste un cinema mediorientale che ha come pubblico di riferimento quello occidentale. Appartengono a questo gruppo film che potremmo definire bifidi. Da una parte, spesso bisogna prenderli più come atti civili per comunicare all’estero situazioni problematiche, bypassando le “ragioni artistiche”; dall’altra, rispondono da anni a una formula codificata, fatta di stereotipi e semplificazioni utili soprattutto agli spettatori di cui sopra.

Risultati immagini per the perfect candidate film

Naturalmente esistono molti film che riescono ad emanciparsi da queste regole, pensiamo a Asghar Farhadi. Alcuni esempi: Viaggio a Kandahar, Cafarnao, La bicicletta verde, diretto dalla stessa regista di The Perfect Candidate. Non fa eccezione, dunque, il nuovo lavoro di Haifaa Al-Mansour, prima autrice saudita a realizzare film, di ritorno in Arabia Saudita dopo l’esperienza americana di Mary Shelley. Ma forse è proprio il suo statuto professionale a renderla inevitabilmente campionessa della categoria.

In realtà, il film è abbastanza piacevole ma non ci si distacca mai dalla sensazione di uno spettacolo ad uso e consumo della buona coscienza di un pubblico open mind pronto a riflettere ed eventualmente indignarsi senza andare oltre la superficie dell’engage più facile. Qui il cortocircuito è esplicitato dalla stessa trama: una giovane dottoressa (già una trama a sé: molti uomini non vogliono farsi curare da lei e non ne rispettano la professionalità), dopo un equivoco, decide di candidarsi al consiglio comunale con l’unico punto programmatico di asfaltare la strada per accedere alla clinica locale.

Il “candidato perfetto” è tale agli occhi dei maschi che non la temono perché non la considerano degna della competizione. L’unico uomo più o meno decente è il padre, timoroso musicista frustrato. Le donne possono anche attestarle stima ma sono talmente sottomesse che non hanno alcun diritto di scegliere chi votare. La sfida alla comunità è precisa e, alla lunga, i risultati cominciano a vedersi.

Risultati immagini per the perfect candidate film

Senza farsi risucchiare dalla secche del “tema” e del “contenuto”, Al-Mansour costruisce con semplicità e senso popolare un tenue dramma militante che somiglia al cinema di settant’anni fa, in cui emerge un personaggio femminile scritto con intelligenza e sensibilità. Tutto molto corretto, raggiunge l’esito prefissatosi ma dopo un po’ non resta niente, se non il ricordo di qualche suggestione esotica in un racconto importante quanto poco incisivo nella memoria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...