Recensione: Gli anni più belli

Gli anni più belli non si nasconde dietro al dito che indica la luna del cinema che mai più sarà. Gli anni più belli lo ammette chiaramente che la sua ambizione massima si scontra con l’impossibilità di rifare C’eravamo tanto amati, i cui diritti Gabriele Muccino ha comprato un po’ per mettere le mani avanti di fronte al catalogo di citazioni, un po’ per dichiarare esplicitamente il suo essere “surrogato” o “paratesto” di quel cinema lì e un po’ per rincorrere il film che più di ogni altro ha influenzato la generazione dei registi cinquantenni italiani.… Read More Recensione: Gli anni più belli

C’eravamo tanto amati | Ettore Scola (1974)

Un uomo si sta per tuffare dal trampolino della sua piscina privata. Altre tre persone lo guardano atterriti. Nell’incipit di questo splendido film, magistralmente scritto da Age, Scarpelli e Scola (citati così sui titoli) con battute che rimangono impresse nella memoria, che corre sulle note malinconiche di Armando Trovajoli, c’è già tutto il senso dell’amarissima… Read More C’eravamo tanto amati | Ettore Scola (1974)

La borghesia dentro casa: geografie domestiche nel cinema di Ettore Scola

Potremmo cominciare questo viaggio nelle case borghesi nel cinema di Ettore Scola con il principe Vittorio Gassman de La congiuntura, ma la deriva farsesca del poco convincente secondo opus della carriera di Scola non contribuisce del tutto a centrare l’obiettivo. Inoltre, in questa sede, per ragioni squisitamente tematiche, non parlerò degli ambienti domestici delle classi più umili (Dramma… Read More La borghesia dentro casa: geografie domestiche nel cinema di Ettore Scola