12° Biografilm Festival | Recensione: Il segreto delle calze – Hold Me Tight(s)

IL SEGRETO DELLE CALZE – HOLD ME TIGHT(S) (Italia, 2016) di Nicola Contini. Documentario. ** Dopo la chiusura forzata della loro industria tessile nell’entroterra toscano, due coniugi sessantenni decidono di trasferirsi in Cina per proseguire la produzione delle calze. Alternandosi tra l’Italia e il Sol levante, ci restano per dieci anni. È la storia di… Read More 12° Biografilm Festival | Recensione: Il segreto delle calze – Hold Me Tight(s)

Don Camillo monsignore… ma non troppo | Carmine Gallone (1961)

La debolezza del quarto capitolo risiede nell’assunto iniziale: in accordo con la logica del “promuovere per rimuovere”, com’è possibile credere ad un manesco parroco di campagna diventato monsignore in Vaticano e ad un ignorante sindaco di provincia in un seggio senatoriale? Regge fino ad un certo punto la satira nei confronti della vacua ampollosità clericale… Read More Don Camillo monsignore… ma non troppo | Carmine Gallone (1961)

Don Camillo e l’onorevole Peppone | Carmine Gallone (1955)

La mano passa da Julien Duviver a Carmine Gallone, parzialmente ridimensionato dopo il regime fascista e legato ad un cinema schiettamente popolare ma buon regista di massa e di masse, che qui dimostra di essere anche un buon regista di messe. Il terzo capitolo della saga accoglie il rivale del protagonista nel titolo, sottolineando che… Read More Don Camillo e l’onorevole Peppone | Carmine Gallone (1955)

Il ritorno di Don Camillo | Julien Duvivier (1953)

Nell’anno di maggiore scontro tra bianchi e rossi (il 1953 è l’anno della famosa “legge truffa” che consolidò il potere democristiano), la ditta formata da Angelo Rizzoli (i soldi), Peppino Amato (il genio), Giovanni Guareschi (la penna) e Julien Duvivier (lo sguardo) sceglie una via intima. Più che raccontare lo scontro tra due ideologie, Il ritorno… Read More Il ritorno di Don Camillo | Julien Duvivier (1953)

La califfa | Alberto Bevilacqua (1970)

All’epoca Alberto Bevilacqua era un nome della letteratura italiana. Oggi lo trattiamo da grande maestro, ma in realtà sappiamo bene che le sue cartucce migliori le ha sparate da ragazzo. In ogni caso, La califfa è il suo film d’esordio, sofferto perché Rizzoli (che aveva acquistato i diritti in un primo momento) voleva affidare l’allestimento ad un… Read More La califfa | Alberto Bevilacqua (1970)

Don Camillo e i giovani d’oggi | Mario Camerini (1972)

Doveva essere interpretato dalla coppia storica, Fernandel e Gino Cervi, e girato dal francese Christian Jacque (d’altronde la mossa vincente dei primi due Don Camillo fu affidare la regia ad uno straniero). Poi l’attore francese morì, Cervi si defilò insieme a Jacque. La palla passò allora ad un Mario Camerini sul viale del tramonto che si ritrovò… Read More Don Camillo e i giovani d’oggi | Mario Camerini (1972)

La via degli angeli | Pupi Avati (1999)

Girato nell’ultimo anno del millennio, La via degli angeli è la storia di tante storie, stoffe vellutate ricamate con il sottile filo della memoria. Rifacendosi ai racconti che la madre – a cui il film è dedicato – narrava a lui e al fratello Antonio (produttore e sceneggiatore dell’opera), Pupi Avati compendia un’epoca attraverso le… Read More La via degli angeli | Pupi Avati (1999)

Il cuore grande delle ragazze | Recensione

IL CUORE GRANDE DELLE RAGAZZE (Italia, 2011) di Pupi Avati, con Micaela Ramazzotti, Cesare Cremonini, Andrea Roncato, Gianni Cavina, Manuela Morabito, Erika Blanc, Massimo Bonetti, Sydne Rome, Gisella Sofio. Commedia sentimentale. *** Nell’epoca del pensiero debole e della mancanza di modelli e punti di riferimento, Pupi Avati è una sorridente certezza perché agisce nella buonafede… Read More Il cuore grande delle ragazze | Recensione

Bar sport | Recensione

BAR SPORT (Italia, 2011) di Massimo Martelli, con Claudio Bisio, Giuseppe Battiston, Antonio Catania, Angela Finocchiaro, Lunetta Savino, Bob Messini, Antonio Cornacchione, Teo Teocoli, Vito, Aura Rolenzetti, Giorgio Comaschi, Claudio Amendola. Commedia. ** Si sa, toccare un oggetto di culto è sempre pericoloso, si rischia il linciaggio da parte dei fedeli di quel culto o,… Read More Bar sport | Recensione

Novecento | Bernardo Bertolucci (1976)

All’origine di quello che è probabilmente il film più ambizioso ed epico della nostra cinematografia c’è una terra, la bassa Emilia della provincia di Parma specialmente, che l’autore conosce fin troppo bene. Novecento non è un apologo sull’Italia unita, ma un romanzo regionale che ha la capacità di non essere provinciale. Attraverso il background padano, Bertolucci trova… Read More Novecento | Bernardo Bertolucci (1976)

Matrimoni | Cristina Comencini (1998)

Il genere in cui meglio sguazza la figlia più celebre di Luigi Comencini è la commedia famigliare, quel tipo di storia che si concentra su un microcosmo particolare al contempo anche universale, ragionando più sulle piccole cose che nascondono grandi problemi, riuscendo a fornire un ritrattino che ha come massima ambizione quella di raccontare una… Read More Matrimoni | Cristina Comencini (1998)

La visita | Antonio Pietrangeli (1963)

All’annuncio matrimoniale della florida Pina (detta dai suoi compaesani padani “la culona”) risponde Adolfo, volgare e laido commesso romano. Dopo l’iniziale illusione di una vita insieme, la Pina si rende conto a poco a poco che l’uomo è giunto a casa sua solo in caccia di dote e comodità. Assolutamente deliziosa e straordinariamente amara, questa… Read More La visita | Antonio Pietrangeli (1963)

I pugni in tasca | Marco Bellocchio (1965)

Ha costruito il Sessantotto, forgiato una generazione appisolata di ribelli contestatori, fatto esplodere la rabbia giovane, stimolato i ragazzi a togliere dalla tasche i pugni. Il pugno chiuso, simbolo comunista ma anche di un’ideale lotta contro il mostro borghese al grido di «famiglie vi odio!». A urlarlo per primo è stato Marco Bellocchio e la… Read More I pugni in tasca | Marco Bellocchio (1965)

La ragazza con la valigia | Valerio Zurlini (1961)

Melodramma di appassionata delicatezza, La ragazza con la valigia colpisce per il suo lieve e malinconico tocco. Tocco di fata, d’altronde: Valerio Zurlini è uno degli autori italiani più sottostimati, una personalità rara e preziosa. Qui, alle porte degli anni sessanta, costruisce uno dei ritratti femminili più belli ed intensi del dopoguerra: la Aida del film è… Read More La ragazza con la valigia | Valerio Zurlini (1961)

Il presidente del Borgorosso Football Club | Luigi Filippo D’Amico (1970)

«Bianconeri del Borgorosso-rosso-rosso futbal club!». Si racconta che ci sia stato un referendum nel paesino dove si svolsero le riprese per scegliere i colori ufficiali di questa fantomatica squadra: vinsero i colori della Juventus, e il regalo finale, guarda caso, è Omar Sivori. Dei pochi veri film sul calcio realizzati in Italia, il film di… Read More Il presidente del Borgorosso Football Club | Luigi Filippo D’Amico (1970)

Don Camillo | Julien Duvivier (1952)

Il primo capitolo di una delle più popolari e redditizie saghe cinematografiche italiane presenta il paese (mai nominato ma trattasi del borgo reggiano di Brescello) impegnato nei festeggiamenti per la vittoria elettorale del sindaco comunista Peppone, mentre il curato Don Camillo si lamenta col crocifisso della chiesa, che gli risponde a tono. Intanto la vecchia… Read More Don Camillo | Julien Duvivier (1952)