Venezia 75 | Recensione: Nuestro tiempo

NUESTRO TIEMPO (Messico-Francia-Germania-Danimarca-Svezia, 2018) di Carlos Reygadas, con Carlos Reygads, Natalia López, Phil Burgers, Rut Reygads, Eleazar Reygadas. Drammatico. ** Che inizio folgorante: i ragazzini giocano nel fango, puntano le ragazzine sul gommone, mentre alla riva gli adolescenti amoreggiano bevendo e fumando. L’allegoria è evidente, il programma anche: si parte da uno spazio della natura… Read More Venezia 75 | Recensione: Nuestro tiempo

Venezia 74 | Recensione: Mektoub, My Love: Canto Uno

Lo sguardo di Kechiche è tutto sui corpi che abitano lo schermo, soprattutto giovani nel rigoglioso fiorire della post-gioventù ma anche la generazione precedente, sospesa tra maternità diversamente espresse o giovanilismi esasperati in libidinosi edonismi.… Read More Venezia 74 | Recensione: Mektoub, My Love: Canto Uno

L’amore bugiardo – Gone Girl | Recensione

L’AMORE BUGIARDO – GONE GIRL (GONE GIRL, U.S.A., 2014) di David Fincher, con Ben Affleck, Rosamund Pike, Neil Patrick Harris, Tyler Perry, Carrie Coon. Thriller. *** ½ La ragazza andata, recita il titolo originale e tributiamo un caloroso applauso a chi ha scelto L’amore bugiardo depistando il pubblico e lasciandogli credere che si tratti di mediocre tv… Read More L’amore bugiardo – Gone Girl | Recensione

Nymphomaniac | Recensione

Il territorio del porno (benché la versione ridotta sia stata depurata delle sequenze più bollenti, aleggia perpetuamente l’idea di un porno vero e proprio, forse non del tutto espresso a parte qualche scena più che esplicita, comunque sicuramente evocato), pare idoneo proprio per sottolineare l’assoluta e dichiarata oscenità di questa vita immaginaria, magari immaginata ma anche no, universale e quindi contemporanea (forse siamo in Gran Bretagna, ma potremmo essere in qualunque parte dell’Europa).… Read More Nymphomaniac | Recensione

Giovane e bella | Recensione

Ha, però, i connotati di un film surreale, quasi buñueliano, Giovane e bella, che arriva nella filmografia del regista francese dopo l’inquietante e sublime esercizio di stile Nella casa, e non solo: è un racconto di formazione nell’accezione più banale del termine, ma anche una visione ironica sulla gioventù del primo duemila, e per di più non scevro di una dimensione onirica dichiaratamente esplicitata in almeno due o tre scene eppure, alla fine, soltanto suggerita, accennata, insinuata.… Read More Giovane e bella | Recensione

Il comune senso del pudore | Alberto Sordi (1976)

Rodolfo Sonego, “cervello di Alberto Sordi” per dirla alla Tatti Sanguineti (tra l’altro: libro fondamentale da leggere assolutamente), sosteneva che fosse una delle peggiori regie di Sordi. Quale sia la peggiore regia di Sordi è difficile dirlo, più che altro per le tantissime candidature. Da un punto di vista squisitamente tecnico, Il comune senso del pudore conferma… Read More Il comune senso del pudore | Alberto Sordi (1976)

Com’è bello far l’amore | Recensione

COM’È BELLO FAR L’AMORE (Italia, 2012) di Fausto Brizzi, con Fabio De Luigi, Claudia Gerini, Filippo Timi, Giorgia Wurth, Alessandro Sperduti, Virginia Raffaele, Michele Foresta. Commedia. * Si sarebbe dovuto chiamare Sex 3d o una roba simile e avrebbe voluto aggiornare la fin troppo celebrata tradizione della commediaccia erotica all’italiana. La verità è che Fausto… Read More Com’è bello far l’amore | Recensione

Il corpo dell’anima | Salvatore Piscicelli (1999)

Raro esemplare di autore italiano con una idea di mèlo personale, Salvatore Piscicelli, nelle mille difficoltà che contraddistinguono la cinematografia indipendente, propone un altro esempio di cosa voglia dire per lui raccontare uno stato d’animo prima che una storia. Come in Immacolata e Concetta, folgorante esordio, l’autore napoletano, in tandem con la storica collaboratrice Franca Apuzzo,… Read More Il corpo dell’anima | Salvatore Piscicelli (1999)

La noia | Damiano Damiani (1963)

Non è stato tanto fortunato Alberto Moravia col cinema. Generalmente, gli adattamenti filmici dei suoi romanzi hanno sempre più o meno deluso (ad eccezione, forse, de La romana e La ciociara). La trasposizione del suo romanzo più sensuale non fa eccezione: se dal punto di vista formale non può che reputarsi certamente corretto e diligente nell’esplicazione apparente, da… Read More La noia | Damiano Damiani (1963)