Una domenica in campagna | Bertrand Tavernier (1984)

C’è una storia? Certo che c’è. Sta a priori, a prescindere. Postula tutto ciò che vediamo, dà il senso ad una visione abbacinante. Oltre il momento. Prima di tutto: è un film sull’impressionismo. Formalmente, spiritualmente. Esteticamente, eticamente. Per come è pensato, dove si sviluppa, quando si riverbera. Una situazione: nei pressi del naturalismo, scorre come… Read More Una domenica in campagna | Bertrand Tavernier (1984)

Frantz | Recensione

FRANTZ (Francia, 2016) di François Ozon, con Paula Beer, Pierre Niney, Ernst Stötzner, Marie Gruber. Drammatico. **** Più che bello o riuscito, L’uomo che ho ucciso di Ernst Lubitsch è quel che si dice un film importante, intimamente legato alla coscienza europea come lo furono il tedesco Westfront 1918 di Pabst o il francese Le croci di legno di Bernard. Sono film… Read More Frantz | Recensione

L’effetto acquatico | Recensione

L’EFFETTO ACQUATICO (L’EFFET ACQUATIC, Francia-Islanda, 2016) di Solveig Anspach, con Samir Guesmi, Florence Loiret Caille, Philippe Rebbot. Commedia sentimentale. **½ Cosa sia esattamente un “effetto acquatico” non mi è del tutto chiaro (la piscina come metafora di vita?), ma mi è, più o meno, chiaro cosa sia L’effetto acquatico (che, incredibile dictu, suona così anche nel titolo… Read More L’effetto acquatico | Recensione

Venere in pelliccia | Recensione

Ebbene, il film è allucinante, inquietante, ansiogeno, bellissimo. La dimensione teatrale è ormai il luogo ideale del movimento polanskiano. Il gioco al massacro è architettato con una lucidità ed una profondità portentose. Mathieu Amalric è strepitoso per misura, variazione e nervosismo. Emmanuelle Seigner è formidabile nel ruolo della vita che vale una carriera (perché non lo so dire bene, se non rimandando al film stesso).… Read More Venere in pelliccia | Recensione

Giovane e bella | Recensione

Ha, però, i connotati di un film surreale, quasi buñueliano, Giovane e bella, che arriva nella filmografia del regista francese dopo l’inquietante e sublime esercizio di stile Nella casa, e non solo: è un racconto di formazione nell’accezione più banale del termine, ma anche una visione ironica sulla gioventù del primo duemila, e per di più non scevro di una dimensione onirica dichiaratamente esplicitata in almeno due o tre scene eppure, alla fine, soltanto suggerita, accennata, insinuata.… Read More Giovane e bella | Recensione

Il marito della parrucchiera | Patrice Leconte (1990)

«Antoine, cosa vuoi fare da grande?», chiede il padre al figlio. «Voglio sposare una parrucchiera» e si becca una sberla. Eppure, nonostante il contrasto col genitore, il bambino – che andava in visibilio per le forme di una procace parrucchiera morta prematuramente – ormai cresciuto si sposa con la bella e misteriosa acconciatrice Mathilde. L’idilliaco… Read More Il marito della parrucchiera | Patrice Leconte (1990)

Can Can | Nelly e Mr. Arnaud | Claude Sautet (1995)

Con una delicatezza inconfondibile e un tocco lieve come un soffio di vento d’estate, Claude Sautet chiude alla grande la sua illuminata carriera con un altro racconto sull’amore nascosto, negato, violentato. Al centro c’è ancora Emmanuelle Béart, già musa del precedente film, a cui è conferito il compito di scongelare il cuore in inverno del… Read More Can Can | Nelly e Mr. Arnaud | Claude Sautet (1995)

Can Can | 8 donne e un mistero | François Ozon (2002)

Musical, commedia, giallo: a François Ozon, figlio furbo ed innamorato del cinema francese tout cort, contamina tre generi con canoni differenti e ben impostati in un concentrato che, piaccia o non piaccia, è indubbiamente d’interesse. Frivolo, certo, ma esiste anche l’interesse frivolo. Pop, com’è tipico del suo autore, sornione e sarcastico, devoto a Truffaut ma… Read More Can Can | 8 donne e un mistero | François Ozon (2002)

Melò | Alain Resnais (1986)

Piaccia o no, Alain Resnais realizza un cinema che è ancora disposto a riflettere con leggerezza. È costume, specie in certo cinema francese, confondere la leggerezza con la snobberia e la riflessione con la pesantezza. Resnais è forse l’ultimo cineasta francese capace di coniugare le esigenze dell’autore con gli interessi del pubblico, contaminando una forma… Read More Melò | Alain Resnais (1986)

La regina Margot | Patrice Chéreau (1994)

Difficilmente oggi riusciamo a vedere sul grande schermo un film in costume credibile. Uno di quei bei feutillon di passioni e sangue, sesso e violenza. Certo, La regina Margot non è un semplice feutillon, ovviamente. Però al contempo bisogna ammettere che è uno degli ultimi romanzi cinematografici in costume a distaccarsi con estrema eleganza dall’omologazione della miriade… Read More La regina Margot | Patrice Chéreau (1994)

Parole, parole, parole… | Alain Resnais (1997)

Il generale hitleriano si rifiuta di distruggere Parigi come gli aveva ordinato il terribile Adolf e la sua disapprovazione al comando si concretizza con la voce soave di Edith Piaf. Responsabile di tutto ciò che accadrà dopo (se avesse rasato al suolo la capitale francese non avremmo mai visto questa storia), è anche il personaggio… Read More Parole, parole, parole… | Alain Resnais (1997)

Appuntamento a Belleville | Sylvain Chomet (2003)

Un gioiello di rara finezza stilistica. Tra i pochi cartoon che avrebbe una sua ragione d’esistere anche con attori veri. È un gran film, Appuntamento a Belleville: un ciclista viene rapito da alcuni mafiosi durante il Tour de France e caricato su una nave diretta verso l’America, dove vogliono sfruttarlo per un esperimento di avanguardia cinematografica.… Read More Appuntamento a Belleville | Sylvain Chomet (2003)

L’ultimo metrò | François Truffaut (1980)

François Truffaut, demiurgo dell’immaginario del suo realismo intrinseco, ha un obiettivo da realizzare con l’arrivo de L’ultimo metrò nella stazione del suo mondo. Non è il suo capolavoro, ma è certamente uno dei più solidi, robusti, compatti. A differenza di molte opere precedenti, basate sul rischio, sul gusto, sui sentimenti personali, questo Ultimò metrò è ecumenicamente rivolto a tutti,… Read More L’ultimo metrò | François Truffaut (1980)