Recensione: Museo – Folle rapina a Città del Messico

Tutto, nel polisemico Museo, va letto tenendo presente la chiusura del film: «perché rovinare una bella storia con la verità?». Ma anche parafrasando il mantra dell’avventurosa archeologia delle origini: saccheggiare (la realtà) per conservare (il suo valore).… Read More Recensione: Museo – Folle rapina a Città del Messico

Italia ’50s – 25 | Ballerina e Buon Dio | Antonio Leonviola (1958)

Che film bizzarro, Ballerina e Buon Dio, sin dal titolo sospeso tra l’aura poetica e la stucchevolezza oratoriale. A prima vista, un prodotto pensato per il circuito delle sale parrocchiali, una favola quasi natalizia anche senza la festività. Dopotutto di cosa parliamo? Di un orfano convinto che le mamme si possano scegliere, del suo percorso… Read More Italia ’50s – 25 | Ballerina e Buon Dio | Antonio Leonviola (1958)

America 80 – 3 | La mia Africa | Sydney Pollack (1985)

Siamo sempre più convinti della grandezza di Sydney Pollack, cineasta umanista che negli anni ottanta – il decennio meno prolifico: solo tre lavori, compresa l’epocale commedia dei corpi deformati e performanti nell’immagine televisiva: Tootsie – realizza il suo spettacolo più magniloquente e allo stesso tempo non dimentico di quell’intimismo che è componente fondamentale della sua… Read More America 80 – 3 | La mia Africa | Sydney Pollack (1985)

America 80 – 1 | Tucker – Un uomo e il suo sogno | Francis Ford Coppola (1988)

pubblicato su Cinefilia ritrovata il 30 giugno 2018 In principio doveva essere un musical. Uomo che non può dirsi privo di ambizioni, Francis Ford Coppola arruolò i migliori: Betty Comden e Adolph Green, gli sceneggiatori di Cantando sotto la pioggia e Spettacolo di varietà, e Leonard Bernstein, tra le altre cose autore di West Side Story. Come spesso accade… Read More America 80 – 1 | Tucker – Un uomo e il suo sogno | Francis Ford Coppola (1988)

Venezia 75 | Recensione: Il ragazzo più felice del mondo

A suo modo, un oggetto indecifrabile, che nell’ammettere l’ispirazione ad un fatto reale prova a ragionare sul concetto di “filmabile”, unendo attori in ruoli bizzarri (il mago, la grafologa, l’amico travestito) ed amici coinvolti come se stessi in un patchwork interessato a capire limiti e confini del mettere in scena la realtà.… Read More Venezia 75 | Recensione: Il ragazzo più felice del mondo

Italia ’50s – 10 | Tre storie proibite | Augusto Genina (1952)

Partono dallo stesso fatto di cronaca, il crollo di una scalinata in cui circa duecento donne erano ammassate per fare un colloquio di lavoro, ma mentre Roma ore 11 di Giuseppe De Santis, 1952 continua, col passare degli anni, a stupire per rigore e passione, Tre storie proibite sembra non dialogare più col suo pubblico se non sulla… Read More Italia ’50s – 10 | Tre storie proibite | Augusto Genina (1952)

14° Biografilm Festival | Recensione: Summer (Leto)

Chi non l’ha apprezzato ne ha evidenziato il disinteresse nei confronti nella storia, la superficialità nel trattare l’oggetto musicale, i virtuosismi di una regia estetizzante, l’occasione mancata di fabbricare l’epos di eroi “giovani e belli”. Obiezioni talvolta non prive di fondamento, ma che potrebbero essere tranquillamente ribaltate.… Read More 14° Biografilm Festival | Recensione: Summer (Leto)