(500) giorni insieme | Recensione

(500) GIORNI INSIEME ((500) DAYS OF SUMMER, U.S.A., 2009) di Marc Webb, con Joseph-Gordon-Levitt, Zooey Deschanel, Geoffrey Arend, Chloë Grace Moretz, Rachel Boston. Commedia sentimentale. ****

Cinquecento giorni sono tanti, sono quasi due anni. È il periodo in cui si consuma quella che, come avverte il narratore, non è la storia d’amore tra due persone, ma la storia di uno stranissimo e normalissimo legame tra un ragazzo troppo sensibile e una ragazza con poco tatto.

Una storia esemplare e a suo modo vecchia come il mondo che sconvolge la vita di un quasi trentenne troppo giovane per essere adulto e troppo adulto per essere giovane. Traviato in gioventù da Il laureato e da un discutibile approccio al pop inglese triste, Tom Hansen si è convinto che la sua vita avrebbe trovato una svolta soltanto grazie ad una ragazza.

Risultati immagini per 500 days of summer

Che arriva all’improvviso con le fattezze di Summer (più semplicemente Sole nell’edizione italiana: una volta tanto una scelta per certi versi ragionevole), di cui si innamora senza ritegno in pochi giorni («Amo il suo sorriso, i suoi capelli, le sue ginocchia, quella piccola voglia a forma di cuore che ha sopra il seno. Amo il modo in cui ogni tanto si inumidisce le labbra prima di parlare. Amo la sua risata, l’espressione che ha quando dorme. Amo il fatto che sento questa canzone ogni volta che penso a lei. Amo quello che provo quando le sto accanto, quella sensazione che tutto sia possibile… insomma che la vita meriti di essere vissuta»).

Finché lei non interrompe l’incantesimo, fondamentalmente per paura di instaurare legami inequivocabilmente forti e chiari: gran sorrisi, gran saluti, non ci siamo mai piaciuti. Lei scompare e lui si sente morire dentro. Gran finale con amara risurrezione e barlume di speranza.

Oltre ad essere una commedia romantica stilisticamente originale (intermezzi animati e cinefili affatto scontati), mai mielosa (anche acida ed aspra qua e là) e teneramente crudele e buffa, diretta dall’esordiente Marc Webb con inattesa sicurezza, è un film bellissimo.

Immagine correlata

Che può contare anche (e soprattutto) su una colonna sonora da urlo (Simon & Garfunkel, The Smiths, The Temper Trat, Regina Spektor e addirittura Carla Bruni) e su due interpreti (Joseph Gordon-Levitt e Zooey Deschanel) in evidente stato di grazia (più l’apporto della stupefacente Rachel Boston in ruolo che non si dimentica). Tom Hansen dritto nel cuore. Piccolo capolavoro che ha la grazia delle cose semplici.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...