che domenica bestiale/ 1 – Una domenica in campagna di Bertrand Tavernier

BY LORENZO CIOFANI

C’è una storia? Certo che c’è. Sta a priori, a prescindere. Postula tutto ciò che vediamo, dà il senso ad una visione abbacinante. Oltre il momento. Prima di tutto: è un film sull’impressionismo. Formalmente, spiritualmente. Esteticamente, eticamente. Per come è pensato, dove si sviluppa, quando si riverbera. Una situazione: nei pressi del naturalismo, scorre come l’acqua delle ninfee, con le atmosfere lì a definire la sublime e indolente semplicità del tempo.

Risultati immagini per un dimanche a la campagne

È domenica, il giorno che meglio nasconde l’angoscia sotto l’idillio bucolico. Il narratore onnisciente di ascendenza truffautiana – il film, peraltro, esce nell’anno della morte del regista – espone con la naturalezza dei romanzieri e l’affetto dei memorialisti. C’è una famiglia riunitasi in modo un po’ rocambolesco: a casa del padre arrivano il figlio borghesotto (ovviamente atteso) e la figlia più svagata (ovviamente inaspettata).

Chi è il padre? È un pittore nel cui profilo si irradia trionfala l’immagine…

View original post 411 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...