La caduta degli dei | Luchino Visconti (1969)

Lennox: È stata una notte inquieta. Dove dormivamo noi il vento ha buttato giù i comignoli; si sono sentiti gemiti per l’aria, e strani suoni di morte, e terribili profezie di incendi e peripezie incombenti sul nostro tempo sciagurato. L’uccello delle tenebre ha gridato tutta la notte, e secondo qualcuno la terra febbricitante ha tremato. (Macbeth II.III)

Immagine correlata

Parabola di dissoluzione alto borghese, falò di vanità ed ambizioni, paure e ritorsioni, saga famigliare e spaccato sociale, psicologicamente inquieto nel ritratto di atmosfere febbricitanti e personaggi irrequieti: solo Luchino Visconti, il regista più aristocratico del cinema italiano (quindi europeo), poteva immortalare con così esplicita sofferenza ed esangue passione il crepuscolo morale inesorabile della famiglia Essenbeck.

Rifacendosi alla tragedia shakespeariana (per il disegno dei personaggi) e alla narrativa di Mann (ascendenze da I Buddenbroke abbastanza palesi), mette in scena un dramma decadente sul declino di un sistema e dei suoi (dis)valori, cuocendo al fuoco lento e protervo che infiamma tutto senza pietà carne sanguigna ed acida.

Lungo come un romanzo del romanticismo ottocentesco rimaneggiato da un proselita dell’atteggiamento critico precedente all’ascesa del nazismo, pone al centro della storia personaggi dissoluti e smarriti in loro stessi e nelle loro tentazioni perverse: non solo l’acciaieria e il potere economico (la matrona calcolatrice, diabolica, cadaverica Ingrid Thulin), ma anche un incesto, il travestimento femminile (folgorante Helmut Berger nelle vesti di una Marlene androgina), le relazioni clandestine, i bordelli.

Risultati immagini per la caduta degli dei berger

Avversi ad Hitler perché figlio del popolo e non perché dittatore, capaci di rigirare le situazioni a loro piacimento, viziati dal fascino della lussuria e dell’arroganza, sono destinati ad un epilogo già scritto e cadono tutti quanti a poco a poco, anche coloro che continuano la loro esistenza (ovviamente in regresso). Come crollano agli occhi del popolo illuminato dalla ragione gli dei eletti a padroni del divenire delle nostre vite. Senza pietà, senza ragione, con una freddezza che in realtà è partecipazione, con l’occhio del regista perso in una prospettiva di irreprensibile angoscia.

LA CADUTA DEGLI DEI (Italia-Germania, 1969) di Luchino Visconti, con Dirk Bogarde, Ingrid Thulin, Helmut Griem, Helmut Berger, Renaud Verley, Umberto Orsini, Reinhard Kolldehoff, Florinda Bolkan, Charlotta Rampling, Nora Ricci. Drammatico. ****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...