Ginger e Fred | Federico Fellini (1985)

C’è chi sostiene che Ginger e Fred sia il punto di non ritorno nell’itinerario felliniano. Quello finale, ossia la costruzione dell’epilogo. Secondo chi avvalora questa tesi, è il film che ha dato origine alle atmosfere silenziosamente disperate di Intervista e La voce della luna. E dunque un Fellini, più che irriconoscibile, rinchiuso nel suo mito onirico e perso in percorsi artificiosi. Per chi scrive, invece, Ginger e Fred sfiora il capolavoro.

Risultati immagini per ginger e fred fellini

Non solo per le mastodontiche interpretazioni di quei due mostri sacri Giulietta Masina (incantevole e genuina) e Marcello Mastroianni (leggiadro e soave). È un Fellini malinconico quello che si affaccia sugli anni ottanta più imbecilli, l’epoca d’oro delle tv commerciali e dei suoi insopportabili show. Federico unisce questa sottile quanto spietata denuncia verso il sistema mediatico più idiota ad un altro tema che gli fu caro negli ultimi anni: la terza età.

La celebra nei suoi lati più gioiosi (una memoria importante da vantare), ma ne mette in evidenza anche quelli più sentimentalmente controversi. Nel mondo tutto lustrini e pajettes della tv (il presentatore è il ritrovato vitellone Franco Fabrizi), i due attempati ma vitali ballerini sono tremendamente spaesati, e dunque Fellini ne esplicita l’estraneità aliena con feroce raffinatezza.

Verso i suoi due protagonisti dimostra sia rispetto (sono gli ultimi abitanti cinematografici di quel mondo della rivista e dell’avanspettacolo che tanto amò negli anni della giovinezza) che una tenera e dolce pietà (con un certo patetismo ne illustra il momento della registrazione del numero di Amelia/Ginger e Pippo/Fred). O forse più che patetismo ne vuole mettere in risalto l’enormità?

Immagine correlata

Non è che forse vuole farci capire quanto Amelia e Pippo siano troppo grandi per il mezzo televisivo, non altro un “elettrodomestico” come direbbe Eduardo? È un po’ una filosofia alla Norma Desmond, quella della grandezza non più contenibile in un mezzo mediatico. D’altronde è un altro mito sulla via crepuscolare, quello di Ginger e Fred. Troppo squallido e bugiardo il mondo televisivo per poter accogliere Amelia e Pippo, troppo veri e candidamente appassionati per viverlo con disincanto.

GINGER E FRED (Italia-Francia-Germania Ovest, 1985) di Federico Fellini, con Giulietta Masina, Marcello Mastroianni, Franco Fabrizi, Ezio Marano, Totò Mignone. Commedia drammatica. ****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...