Gli ultimi fuochi | Elia Kazan (1976)

Uno dei pochi bei romanzi sulla macchina-cinema e al contempo sull’ossessione-cinema lo scrisse Francis Scott Fitgerald, che morì prima di concluderlo. Al centro della scena c’è un personaggio morto, e lo sappiamo sin dal principio. Ad essere morto è anche il mondo che viene raccontato, quello della Hollywood classica degli anni trenta, fotografato con curiosità e pertinenza da dietro le quinte.

Risultati immagini per the last tycoon kazan

I protagonisti, difatti, sono principalmente dirigenti di una grande casa di produzione, e il protagonista assoluto è, appunto, Monroe Stahr, trentenne rampante e pressoché infallibile. Le star, da Rodriguez (il redivivo e divertito Tony Curtis) a Didi (Jeanne Moreau in gustosa trasferta), fanno da coro, stanno nei film in filologico bianconero che Starh produce, interagiscono con i media.

Il perno dell’intero film non è solo Hollywood, ma proprio Monroe, attorno a cui si muove una storia di amore perduto, disincantata decadenza, estrema solitudine. È l’ultimo film di Elia Kazan, il regista sa perfettamente di cosa parla e come mettere in scena la fin troppo scrupolosa e al contempo pignola sceneggiatura di Harold Pinter, e probabilmente chiudere la carriera con una storia del genere lo trovò quantomeno interessante.

Sorta di foto di gruppo melodrammatica e intimamente virata in seppia (che giustifica il titolo italiano, ben più corale di quello originale), romanzo per immagini che porta con sé il fantasma dell’incompiutezza e la maledizione del protagonista (e quindi il senso dell’originale L’ultimo tycoon), è l’archetipo del film crepuscolare, dilatatissimo nella rappresentazione di una storia d’amore impossibile e smarrita tra le pieghe del tempo e piacevole nelle sequenze sul cinema e sui suoi meccanismi (il ritmo concitato che le caratterizza poco si accorda con quello flemmatico del mèlo speculare), probabilmente più per merito degli attori in ballo (la faccia iconica di Robert Mitchum, i giorni perduti di Ray Milland, Donald Pleasence come sceneggiatore nevrotico, il capo degli scrittori Jack Nicholson che duella memorabilmente nel prefinale con De Niro anche attraverso la dialettica del ping pong) che dei reali episodi narrati.

Risultati immagini per the last tycoon kazan

L’alcolico, decadente e romantico Robert De Niro è il nume tutelare della New Hollywood che stringe la mano col maestro Kazan: e questo equilibrio talora raggiunto fra cinema del passato e nuove tendenze (ben evidenti, ma riarrangiate dall’esperto Elia) è soprattutto merito di loro due (Pinter resta sullo sfondo). La celebra sequenza su come si debba scrivere una scena ne è la dimostrazione.

GLI ULTIMI FUOCHI (THE LAST TYCOON, U.S.A., 1976) di Elia Kazan, con Robert De Niro, Ingrid Boulting, Robert Mitchum, Jeanne Moreau, Tony Curtis, Theresa Russell, Jack Nicholson, Anjelica Huston, Donald Pleasence, Dana Andrews, Ray Milland, Peter Strauss. Drammatico. *** ½

2 pensieri riguardo “Gli ultimi fuochi | Elia Kazan (1976)

Rispondi a Recensione: L’uomo che uccise Don Chisciotte – BY LORENZO CIOFANI Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...