Venezia 76 | Recensione: Le verità (La vérité)

LE VERITÀ  (LE VÉRITÉ, Francia-Giappone, 2019) di Hirokazu Kore’eda, con Catherine Deneuve, Juliette Binoche, Ethan Hawke, Ludivine Sagnier, Clémentine Grenier, Manon Claverl, Alain Libolt, Maya Sansa. Commedia drammatica. ***

Le vere attrici non si impegnano nel sociale e nella politica, sostiene Fabienne: quando cominciano a parlare d’altro, vuol dire che la realtà ha vinto su di loro, dunque sul cinema. È una frase in cui, in filigrana, si legge la filosofia di Catherine Deneuve, una stella che rifulge proprio per ciò che ha fatto sul grande schermo più che per il suo impegno nella vita pubblica. L’idea che Fabienne sia essenzialmente Deneuve ricorre sempre in Le verità: come quando, seccata dalla scenetta della giovane attrice in preda all’improvvisazione, alza gli occhi al cielo e si butta nell’arena per darle una lezione di recitazione.

Risultati immagini per la verite film 2019

C’è un momento straordinario, sul set del film – una specie di mélo sci-fi sul rapporto tra madre e figlia – che Fabienne sta interpretando accanto a una star in ascesa (che peraltro indossa un nome clamoroso: Manon Lenoir): dopo vari tentativi, riesce infine a recitare come desidera, senza imitare la vita bensì sublimarla attraverso l’atto poetico del ripensare la realtà. Niente collirio e nessun ricordo indotto per piangere: le lacrime devono essere spontanee e calcolate. È lavoro, è vita. Magari magia. Non sarò stata una grande madre o una grande amica, confessa cosciente di convivere con i fantasmi di un passato in apparenza poco edificante, ma una buona attrice, ecco, sì.

Diva settantenne, Fabienne ha scritto un memoir di grande successo: l’ha intitolato Le verità ma sua figlia, sceneggiatrice negli States dove ha sposato un attore («attore è una parolona», sentenzia la madre, «è un’imitazione»), sa – o crede di sapere – che non c’è niente di vero in quel libro. La verità, d’altronde, non deve essere alla portata del pubblico: perciò Fabienne ha deciso di  revisionarla, perché la verità non interessa a nessuno, altrimenti non si andrebbe al cinema a vedere le grandi attrici che rendono grandi i film attraverso la menzogna, la messinscena della vita.

Le grandi attrici, spiega alla nipotina, hanno nomi e cognomi che iniziano con la stessa lettera: Michèle Morgan, Danielle Darrieux, Greta Garbo, Simone Signoret. Brigitte Bardot, aggiunge l’artista: e in quell’algida smorfia di disappunto nei confronti della protagonista di Le verità di Clozout c’è tutta Denueve, che a Le verità porta in dote l’esperienza, il carisma, la potenza, la consapevolezza di un monumento della recitazione.

Il gioco tra cinema e realtà trova nel suo corpo, nel volto che turba, incanta, ammalia da oltre mezzo secolo, la più suprema delle espressioni. Ma, al contempo, mette in luce la facilità del meccanismo allusivamente metacinematografico scelto dall’autore. Alla prima prova internazionale dopo la consacrazione di Un affare di famiglia, Hirokazu Kore’eda sembra non voler rischiare molto, inserendosi nel solco di un cinema cinefilo tanto affascinante quanto furbo nel comporre le rime tra film e vita.

Risultati immagini per la verite film 2019

In questa commedia drammatica in interni, che si districa tra la bella villa di Fabienne («ma dietro c’è una prigione») e il set, il maestro giapponese non rinuncia all’evocazione di Sinfonia d’autunno e a simpatiche suggestioni da Viale del tramonto e intanto continua a raccontare famiglie colte in momenti di svolta. Per l’umanista Kore’eda, la verità è sempre un’interpretazione dettata dall’intelligenza del cuore. E il suo cinema resta pieno di grazia ma, forse avvinto dalle personalità di Deneuve e Juliette Binoche nel ruolo della figlia, suggerisce senza enfasi quella purezza che potrebbe trovare nello sguardo incantato della nipotina, preferendo le schermaglie tra le due donne alla necessaria resa dei conti e gli andirivieni in una memoria alla quale si dà sempre troppa fiducia.

Un pensiero riguardo “Venezia 76 | Recensione: Le verità (La vérité)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...