Il buon samaritano | Leo McCarey (1948)

Uscendo dalla sala in cui proiettavano Il buon samaritano, due anziani spettatori dicono che la seconda parte non regge. Hanno ragione. Non so perché, ma i film “istituzionali” di Leo McCarey, quelli del filone cattolico, che provengono da una sincera elaborazione religiosa del regista, mancano di ritmo, si dilatano inutilmente, ammiccano fino alla ruffianeria.

L’edificante parabola del buon samaritano viene adattata all’american way of life attraverso uno dei corpi attoriali più emblematici del New Deal (Gary Cooper, sempre bravo e bello): un uomo malato di generosità ed altruismo, che aiuta tutti e presta soldi a chiunque, desta la preoccupazione della pratica ed affettuosa moglie (la bravissima Ann Sheridan) che mette in conto i problemi economici domestici.

Risultati immagini per good sam film

Vuoi per qualche passaggio improvviso (la scalata di Sam alla presidenza), vuoi per espedienti banali qua e là (la signora rompiscatole sul tram che è anche la moglie del meccanico scroccone), vuoi per le fisime di McCarey (i soliti bambini, le solite canzonette), il film funziona senza mai appassionare del tutto per una certa latitanza di ironia che manca nel filone religioso (ne Le campane di Santa Maria ci pensava involontariamente Ingrid Bergman, assurda ma splendida suora).

IL BUON SAMARITANO (GOOD SAM, U.S.A., 1948) di Leo McCarey, con Gary Cooper, Ann Sheridan, Ray Collins, Edmund Lowe. Commedia drammatica. **

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...