Il caso Mattei | Francesco Rosi (1972)

Attraverso il giornalismo d’inchiesta e l’indagine socio-politica, Francesco Rosi (sostenuto in sede di sceneggiatura da Tonino Guerra) semina dubbi, ricerca indizi con puntigliosa meticolosità, batte molte strade per cercare di cavare un barlume di verità da una delle vicende più complesse e misteriose del dopoguerra italiano (a tal proposito è più che convincente la scena siciliana in cui tutti si rifiutano di imbarcarsi sull’aereo assieme a Mattei: «a me queste diavolerie che volano non mi danno sicurezza», afferma addirittura un notabile siciliano).

Ben conscio che non si possa capire il fatto ultimo se decontestualizzato da quel che accadde prima, Rosi va all’origine, esamina l’ascesa irresistibile dell’ingegner Mattei, lo segue nella sua scalata al raggiungimento di un benessere collettivo, non si lascia affascinare da una figura comunque non indifferente.

Risultati immagini per il caso mattei

Benché nel ritratto di questo ex capo partigiano, oppositore dei poteri forti – pur essendolo lui stesso – e vicino ai lavoratori, un po’ ministro-ombra degli esteri, ci sia anche una sottile vena epica, Rosi si limita a constatare su ciò che possiede. Che è comunque poco, a ben vedere, nonostante le molte inchieste, in particolare quella di Mauro De Mauro, poi fatto scomparire nel 1970 in Sicilia (la mafia?).

Colpo nello stomaco all’epoca della sua uscita, oggi vale molto non solo come documento analitico e politico di profonda razionalità, ma anche come attento, lucido e civile giallo sociale. La struttura messa in piedi è robusta (c’è, specie nella seconda parte, mediante i colloqui con il giornalista una sorta di intervista che spiega assai bene la personalità del protagonista), tutto è organizzato con minuziosa passione (non solo fiction, ma anche interventi veri come quelli di Ferruccio Parri, Furio Colombo e dello stesso Rosi, che si improvvisa detective), ma se il film può ritenersi davvero riuscito è anche per merito della potente interpretazione del maestoso Gian Maria Volonté, talmente Mattei da essere più vero del reale (e un po’, nell’immaginario collettivo, un po’ come Lucky Luciano, l’iconografia matteiana è roba sua).

IL CASO MATTEI (Italia, 1972) di Francesco Rosi, con Gian Maria Volonté, Luigi Squarzina, Gianfranco Ombuen, Edda Ferronao, Accursio Di Lei, Furio Colombo, Peter Baldwin, Franco Graziosi, Camillo Milli, Ferruccio Parri, Ugo Zatterin, Francesco Rosi. Biografico drammatico. ****

Un pensiero riguardo “Il caso Mattei | Francesco Rosi (1972)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...