Guardie e ladri | Steno e Mario Monicelli (1951)

Apoteosi della via brillante e popolare al neorealismo in fase calante, diciamo sulla scia de L’onorevole Angelina (e proprio Luigi Zampa era il regista designato in origine), è un capolavoro intramontabile che racconta la miseria e l’umanità di un sottobosco straccione, rifiutando la stilizzazione dell’indigenza, e preannuncia gli stilemi della commedia all’italiana, diretto dai due (Steno e Mario Monicelli, già autori di Totò cerca casa) ai quali è dovuta l’intuizione di inserire Totò, maschera della fame, nel contesto realistico di una fame collettiva, serviti dalle acute penne di un dream team (Vitaliano Brancati, Ennio Flaiano, Piero Tellini più i due registi e Aldo Fabrizi).

Immagine correlata

L’amarezza di fondo per lo squallore del contesto sociale ed ambientale (la Roma proletaria tanto dei “ladri” quanto delle “guardie”, in cui la Befana americana aiuta ancora i bisognosi) non inficia sul divertimento garantito dalle prestazioni dei due mostri sacri impegnati in questo inseguimento estenuante: se Fabrizi conferma le proprie magnifiche doti di misura, patetismo e veracità, Totò meraviglia in un ruolo per lui nuovo eppure splendidamente aderente alla sua sensibilità surreale. Accanto a loro uno stuolo di caratteristi di vaglia (Ave Ninchi, Pina Piovani, Ernesto Almirante, Carletto Delle Piane). Finale malinconico che segna una tappa fondamentale.

GUARDIE E LADRI (Italia, 1951) di Steno e Mario Monicelli, con Totò, Aldo Fabrizi, Ave Ninchi, Pina Piovani, Carlo Delle Piane, Ernesto Almirante, Rossana Podestà, Aldo Giuffré, Mario Castellani. Commedia. *****

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...